“Trovo squallido che un quotidiano italiano regali oggi il Mein Kampf di Hitler. Il mio abbraccio affettuoso alla comunità ebraica #maipiù”. Matteo Renzi interviene su Twitter per criticare la scelta de Il Giornale, che sabato 11 giugno regala ai lettori il volume del Führer in allegato con il quotidiano. E anche la presidente della Camera Laura Boldrini sul sito di microblogging ritiene la distribuzione del volume una “decisione grave” perché la “memoria merita rispetto. Mia solidarietà a tutte le famiglie vittime di Olocausto”.

Una scelta editoriale sulla quale, alla vigilia dell’uscita, si era già infiammata la polemica. Ma a difenderla era intervenuto il direttore del giornale di Via Negri, Alessandro Sallusti, convinto che fosse un modo per “capire com’è potuto nascere il male assoluto“. E ha aggiunto che non avrebbe problemi “anche a pubblicare il Libretto rosso di Mao”. In più, nell’editoriale del quotidiano oggi in edicola, scrive: “La maggior parte delle critiche sono legittime e comprensibili. Le preoccupazioni della comunità ebraica italiana che ci ha sempre visto e ci vedrà al suo fianco senza se e senza ma, meritano rispetto”. Tuttavia, prosegue, “escludo che ad alcuno possa anche solo sfiorare l’idea che si tratti di un’operazione apologetica o anche solo furba. Non si gioca su una simile tragedia. Semmai il contrario. Perché, con certi venticelli che soffiano qua e là per l’Europa e in Medioriente serve capire dove si può annidare il male e non ripetere un errore fatale”. Il Mein Kampf –  tornato ufficialmente nelle librerie della Germania dopo 70 anni da gennaio – andrà a chi deciderà di acquistare, assieme al giornale, il primo degli otto volumi che il quotidiano dedica al nazismo, “Hitler e il Terzo Reich” di William Shirer.

Sul caso interviene anche il deputato Pd Emanuele Fiano, secondo cui “in qualsiasi altro paese d’Europa questa operazione sarebbe stata considerata un’offesa insanabile alla democrazia antifascista, se non addirittura un reato”. Per Fiano “esiste un disegno obbrobrioso e preciso a Milano e nel resto d’Italia, che mira a portare a votare contro i candidati del Pd, con tutto l’estremismo neo nazista e neo fascista che si può raccogliere. Per questo oggi il Giornale di Sallusti decide di pubblicare la summa ideologica del nazismo di Adolf Hitler, il Mein Kampf“. Il deputato Pd collega poi la scelta editoriale di Sallusti al ballottaggio Sala-Parisi nel capoluogo lombardo. “A Milano – aggiunge – il Giornale, il principale organo di stampa a sostegno della campagna di Stefano Parisi, guarda caso proprio nei giorni del ballottaggio, sceglie di arruolare a sostegno del proprio candidato anche l’estremismo più impresentabile. Faccio appello a tutte le coscienze libere e democratiche del nostro paese e alle comunità ebraiche – conclude – perché questa vergognosa operazione non passi sotto silenzio”.  E la scelta di allegare il Mein Kampf viene rilanciata e criticata anche da media e utenti stranieri, dalla Catalogna alla Polonia