La rivoluzione 360 sta arrivando anche in Italia, e cambierà il mondo dell’intrattenimento. Ormai non si tratta più di una scommessa, ma di una realtà. Dopo anni di sperimentazioni la tecnologia che permetterà ad un pubblico sempre più vasto di immergersi nei giochi, nei filmati, nelle news e nei documentari, è ormai a portata di mano. I grandi marchi dell’hi-tech ci credono e stanno lavorando affinché i video e le applicazioni in realtà virtuale diventino mainstream. Basta dare una rapida occhiata a cosa sta accadendo sul mercato. Samsung sta puntando molto sul suo nuovo S7, che in prevendita viene proposto in abbinamento al visore Gear Vr, dal prossimo mese di ottobre Sony commercializzerà la Playstation Vr, altri marchi come Htc e Oculus sono prossimi al lancio dei loro prodotti di fascia alta (Htc Vive e Oculus Rift), mentre è disponibile da tempo un gadget a basso costo, si tratta di un kit di cartone che permette di costruire un supporto per smartphone. Un kit che molti operatori stanno regalando ai clienti proprio per stimolare gli utenti a provare il brivido della realtà virtuale. Lo ha fatto nei mesi scorsi il New York Times nel settore dell’informazione; lo sta facendo PornHub in quello dell’intrattenimento per adulti, e lo sta facendo McDonald’s con le scatole degli Happy Meal per fidelizzare i piccoli consumatori.

Insomma, molti operatori, soprattutto oltreoceano, hanno già scommesso sul fatto che la realtà virtuale e i video 360, saranno molto presto una tecnologia alla portata di tutti. Del resto le potenzialità non mancano e l’esperienza offerta è davvero emozionante. Per di più, chiunque possegga uno smartphone ha già in tasca il 99% della tecnologia necessaria. Serve un ultimo piccolo passo per tuffarsi nello spettacolo mozzafiato di un video girato con apposite telecamere 360.

Se c’è chi ha già pensato all’hardware, c’è anche chi ha pensato alla parte software e, naturalmente, ai contenuti. La piattaforma più affascinante, dal nostro punto di vista, è Vrse.com (storytelling virtual reality), che offre un’app dedicata e una serie di contenuti professionali selezionati, in grado di fornire un vasto panorama di esperienze immersive. Da provare anche l’app del New York Times (Nytvr) che raggruppa i contenuti prodotti dal gruppo editoriale sempre molto attento all’innovazione tecnologica. Chiaramente anche Google (con il portale Google Cardobard) è della partita. Si trova di tutto: applicazioni, visori low-cost e, naturalmente, video.

Superato l’impaccio del visore, il divertimento è assicurato. Esilaranti le reazioni di chi si trova per la prima volta immerso in un video di questo tipo, come la divertitissima e arzilla ottantanovenne che prova l’esperienza di viaggiare sulle montagne russe.

Twitter: @alemadron