“Il ministero dello Sviluppo economico sapeva che Poste italiane intercettava le ‘lettere civetta’ che avrebbero dovuto testare la qualità del servizio nella consegna della corrispondenza?”. È uno dei passaggi dell’interrogazione parlamentare che Arianna Spessotto del M5S rivolge al dicastero, dopo le inchieste pubblicate dal Fatto Quotidiano il 9 giugno 2015. È sufficiente visitare il sito della Camera dei deputati per verificare che il ministro Federica Guidi non ha ancora risposto. Rispondiamo noi del Fatto: al ministero sapevano, dall’aprile 2014, quando il governo di Matteo Renzi era insediato da circa due mesi. Ma hanno fatto finta di nulla.

A esserne informato è Gianpiero Castano, influente funzionario, che in quei giorni sta seguendo una delicata vertenza sindacale: alcuni lavoratori, metalmeccanici che si occupano della manutenzione del Centro di meccanizzazione di tutta Italia (Cmp), hanno perso il lavoro perché l’appalto è stato affidato alla Ph Facility, un’azienda che si occupa di ben altro, specialista in multiservizi, in altre parole igiene e pulizie. Gli operai trattano col funzionario del dicastero e al termine del tavolo sindacale spiegano a Castano che, in effetti, anche un’azienda leader nelle pulizie può gestire la manutenzione di un Cmp, visto che il controllo della qualità è truccato. Gli parlano delle “lettere civetta”, gli spiegano che sono stati testimoni di quel che accade, denunciano che il sistema di controllo è taroccato.

È una notizia gravissima. Il coefficiente di qualità consente infatti a Poste italiane di muoversi su tre tavoli: il contributo pubblico di oltre 250 milioni annui per occuparsi della consegna delle lettere; il finanziamento europeo per altre centinaia di milioni; finché tutto apparentemente funziona, il coefficiente di qualità legittima anche la politica industriale, a partire dalle nuove assunzioni, ai mancati turnover, per finire alla razionalizzazione dei postini (consegne a giorni alterni).

E apparentemente tutto funziona. Ma non è così, spiegano gli operai a Castano, perché hanno visto con i loro occhi che i controlli sulla qualità sono truccati. Castano spiega di essere un funzionario pubblico, dice che gli stanno riferendo cose gravi, che forse dovrebbe avvertire il sottosegretario, a meno che… A meno che non si faccia finta che non s’è detto nulla, che lui dei controlli truccati non ha mai saputo niente. E gli operai, spaventati, ritirano tutto dicendo che è meglio far finta di aver scherzato. Il Fatto Quotidiano ha contattato alcuni di questi operai del nord Italia che, sotto la protezione dell’anonimato, hanno raccontato questo incontro in tutti i suoi dettagli. Se convocati in procura, sono disposti a raccontare tutto.

Le nostre inchieste, nel frattempo, hanno prodotto ulteriori conseguenze. La procura di Roma ha aperto un fascicolo per truffa – per il momento senza indagati – ai danni di Poste Italiane. Il Fatto aveva pubblicato i testi delle mail interne che, dal 2006 al 2010, dimostrano l’esistenza di una vera e propria rete, all’interno dell’azienda, dedicata a schedare i controllori – il gruppo di persone che spediva e riceveva la corrispondenza, per conto della società Izi, al fine di testare i tempi di consegna e certificarli all’Agcom – con una procedura interna denominata “noti invii”.

Poste Italiane, a sua volta, su input dell’ad Francesco Caio ha avviato un’indagine interna che, a sua volta, ha confermato il contenuto delle nostre inchieste. Non solo. Il fenomeno – sostiene Poste – s’è protratto fino al 2014. Ne è scaturita una sfilza di licenziamenti – circa 50 – e un migliaio di lettere di contestazione ad altrettanti dipendenti, che in questi giorni sono stati sospesi dal lavoro.

E ieri è intervenuto il segretario nazionale Cisl di Poste, Mario Petitto, che ha scritto direttamente a Caio: “La mia federazione in tempi non lontani e non sospetti evidenziò anomalie nel sistema di rilevazione dei dati…”. Resta da capire perché, a questo punto, non vi fu alcuna denuncia alla procura della Repubblica. In questo clima da resa dei conti, Petitto annuncia che le misure prese dall’azienda, nei riguardi dei suoi dipendenti, provocherà “il più grande contenzioso giudiziario che Poste Italiane abbia mai affrontato per ragioni disciplinari”. E punta l’indice sulla gestione di Massimo Sarmi: “Anziché creare confusione… perché nessuno si pone il problema che le mail da cui nascono le contestazioni ai lavoratori (quello sul controllo delle lettere civetta, ndr) sono atti ufficiali che presuppongono una catena gerarchica che arriva fino ai vertici aziendali in un’unica regia nazionale?”.

Proprio così: “Regia nazionale”. E ancora: “Qualche ‘vestale’, oggi responsabile di importanti funzioni aziendali, anziché pontificare e fare lo struzzo, dovrebbe chiedersi se anche sotto la sua gestione sono continuati comportamenti illegittimi che l’inchiesta avrebbe dovuto evidenziare con chiare responsabilità individuali e non di massa”. Se oltre alla domanda, Petitto sa anche la risposta, sarebbe davvero interessante conoscerla.

da Il Fatto Quotidiano dell’11 febbraio 2016