Le obbligazioni subordinate emesse dalle banche italiane e finite nei portafogli di piccoli risparmiatori e investitori istituzionali ammontano a 67 miliardi di euro. Il dato emerge da un appunto del dipartimento economia e statistica della Banca d’Italia per il direttorio, datato 30 dicembre 2015 e motivato con “le recenti vicende legate alla risoluzione delle crisi aziendali di quattro intermediari (Banca Etruria, Banca Marche, Carichieti e Cariferrara, ndr), che hanno generato una forte richiesta di informazioni sull’ammontare dei titoli subordinati emessi dalle banche”. Come è noto, infatti, erano proprio obbligazioni subordinate i titoli che sono diventati carta straccia, lasciando sul lastrico molti risparmiatori, in seguito al decreto salva banche varato dal governo il 22 novembre. Al netto dei titoli temporaneamente riacquistati dalle banche emittenti (circa 8,5 miliardi), le subordinate ora in circolazione sono pari a 59 miliardi.

A diffondere il documento è stata l’Adusbef, che insieme a Federconsumatori torna a chiedere al governo di “prendere in considerazione i rimborsi integrali dei truffati” perché la bozza di decreto che il consiglio dei ministri dovrebbe esaminare mercoledì “basata su otto indici presuntivi e nove elementi di valutazione, per valutare chi ha diritto ai risarcimenti, fissando perfino il limite in 100.000 euro, oltre ad essere un ulteriore papocchio giuridico e legale, conferma l’inaccettabile arbitrio di confondere i diritti con aiuti umanitari” e “le elemosine arbitrali accenderanno gli animi per ulteriori proteste dei truffati contro Governo, Consob, Bankitalia, quest’ultima attaccata ieri finalmente, dalla stampa economica internazionale, il Financial Times, per la sua inadeguatezza ed inutilità a gestire il pubblico risparmio e proteggere il sistema bancario”.

Peraltro, nota Adusbef, “perfino da questo documento (classificato come riservato, ma inviato al direttorio ‘anche per una eventuale diffusione all’esterno dell’Istituto’)”, emerge che via Nazionale “sapeva da molto tempo dei rischi tangibili delle obbligazioni subordinate, e ciononostante non ha attivato alcuna doverosa e trasparente informazione, per offrire la possibilità ai sottoscrittori retail di tali bond spazzatura con la direttiva Ue del bail-in del maggio 2014, quelle famiglie poi truffate ed espropriate dal decreto salva banche del 22 novembre 2015, di prendere cognizione sui loro rischiosissimi investimenti”.

La cifra vale l’11% del totale delle obbligazioni bancarie, che ammontano a 623 miliardi. I principali emittenti di obbligazioni subordinate sono le due maggiori banche italiane, Unicredit e Intesa Sanpaolo, con rispettivamente 22,8 e 14,4 miliardi di euro. Le obbligazioni emesse dalle prime dieci banche rappresentano l’83% del totale.