“Abbiamo un presidente della Repubblica che è l’ologramma di un ologramma, unico caso al mondo”. Mentre Sergio Mattarella parla dal suo salotto per il discorso di fine anno alla nazione, il leader del Movimento 5 Stelle fa il suo contro-discorso in diretta streaming sul suo blog e usa la metafora che sarà al centro del suo prossimo spettacolo teatrale con cui sarà in tournée nel 2016. “Sono Beppe Grillo anzi l’ologramma di Beppe Grillo, sono un fantasma”, continua. “Potete passarmi attraverso, io non esisto. E non esiste questo Paese, come non esistono il Parlamento e il governo. Vi siete resi conto in che Paese viviamo? Abbiamo deputati che non esistono, proiezione di qualcosa di morboso. Abbiamo leggi popolari, abbiamo referendum: tutti ologrammi. Vi sembra possibile che possa esistere uno come Gasparri che è la proiezione del cavallo di Caligola? Pensate che Salvini sia un leader e Brunetta un esponente del Parlamento italiano? Sono ologrammi venuti male”.

Giacca e cravatta, in piedi davanti a un leggio su sfondo nero, il leader M5S parla per poco più di tre minuti. Non cita mai il presidente del Consiglio, ma se la prende con la politica per lui “finta”. Per il Capo dello Stato solo una stoccata iniziale, ma niente in confronto agli attacchi diretti contro il suo predecessore: solo nel discorso di fine 2014 aveva detto “via Renzi e Napolitano“, quest’anno invece sceglie di parlare in generale. “Cari amici”, prosegue Grillo, “Metternich ci diceva che noi siamo un’espressione geografica: non è vero. Noi siamo un’espressione olografica. Da lontano ci sembra di vedere l’Italia poi man mano che ti avvicini capisci che tutto è finto: 80 euro, referendum, niente rimane. Ci rendiamo conto che l’ologramma è la nostra vita? Che questa Italia sta diventando qualcosa di diverso da quello che era? Ci rendiamo conto che chi si allea con noi diventa un ologramma? In Italia siamo in crisi di identità. Chi non lo sa finisce sempre nei guai. Chi si allea con noi, in realtà si allea con l’ologramma e infatti finisce sempre che cambiamo alleanza in corsa, come nella prima e seconda guerra mondiale, o rinneghiamo un trattato di pace bombardando la Libia come è avvenuto con Gheddafi“. E poi conclude: “Stiamo diventando degli schizofrenici di noi stessi: copie di copie di copie. Dobbiamo riprenderci il corpo e la nostra anima perché sta trasmigrando da qualche parte. Io vi do un augurio da fantasma e da ologramma. Auguri a tutti e speriamo bene“.

Beppe Grillo torna a parlare dopo che dal palco di Imola solo a metà ottobre aveva annunciato l’inizio del suo disimpegno e dopo che gli iscritti hanno deciso ufficialmente di togliere il nome del comico dal simbolo del Movimento 5 Stelle. E’ stato un Natale difficile per i grillini: se i sondaggi volano e anche il Financial Times titola che “ora sono maturati”, sul territorio è il tempo della resa dei conti. A Livorno Filippo Nogarin ha una maggioranza che traballa dopo la crisi dei rifiuti, Federico Pizzarotti a Parma resta la voce critica che chiede più considerazione e a sud le cose vanno ancora peggio. E’ notizia della vigilia di Natale che il consigliere di Quarto Giovanni De Robbio è indagato dalla Dda di Napoli per tentata estorsione aggravata nei confronti del sindaco del suo stesso partito, Rosa Capuozzo, e voto di scambio. A Gela il sindaco Domenico Messinese è stato espulso dopo aver cacciato tre assessori della sua giunta. I terremoti non mancano nemmeno in Parlamento: la senatrice Serenella Fucksia, nel mirino per le sue idee critiche da mesi, è stata espulsa con l’accusa di non aver restituito parte dello stipendio.

Il 2016 sarà un anno fondamentale per i grillini. Le elezioni amministrative della primavera saranno una delle prove da superare in vista delle politiche: si giocano una chance a Roma e Torino, arrancano tra le polemiche interne a Bologna e partono scoraggiati a Milano. La sfida che importa ai vertici è quella della Capitale: la città sconvolta da “Mafia Capitale” potrebbe scegliere di fare la “x” sul simbolo M5S, ma a quel punto il timore è che un banco così complicato possa rivelarsi un boomerang. “Non so che anno sarà”, conclude Grillo, “io vi do un augurio da fantasma e da ologramma. Auguri a tutti e speriamo bene“.