PARIGI – “Chi confonde i terroristi con la maggior parte dei musulmani è uno stronzo. E mai il Front National avrebbe potuto usare l’espressione ‘bastardi islamici’: abbiamo una responsabilità politica”. Wallerand de Saint-Juste è il capolista del Fn per le prossime elezioni per la regione parigina. Avvocato di Jean-Marie Le Pen, tesoriere del partito e cattolico tradizionalista (che però ha deciso di non schierarsi contro i matrimoni gay), è lui che Marine Le Pen manda avanti per commentare gli attentati del 13 novembre scorso. A due giorni dalla fine del lutto nazionale riprende la campagna elettorale e il partito che vola nei sondaggi difende la sua nuova veste istituzionalizzata. No agli attacchi diretti e fuori dalle righe, sì al pugno duro contro “il lassismo dello Stato”. De Saint-Just chiede di commissariare la banlieue di Saint-Denis, dove è stato trovato il covo della presunta mente delle stragi, ma si dissocia da chi accusa tutti i musulmani. “Sono cittadini francesi come gli altri che devono rispettare le regole di laicità. Ma chi li confonde con i terroristi è uno stronzo”. E sulle dichiarazioni di alcuni politici e giornalisti in Italia (da Matteo Salvini al deputato Gianluca Pini fino al titolo di Libero: “Bastardi islamici”) dice: “Abbiamo una responsabilità e non possiamo pronunciare quelle parole, nemmeno di fronte a degli assassini”.

C’è chi accusa il Front National di aver alimentato il clima di odio che favorisce il radicalismo islamico.
E’ scandaloso, non è mai successo. Se il nostro partito non esistesse, la situazione sarebbe molto più critica. E’ chiaro che una delle cause principali di questo dramma sono le politiche che porta avanti la Francia da 40 anni. La gestione dei quartieri è fallimentare e il radicalismo islamico è come un pesce nell’acqua.

Secondo voi lo Stato sapeva ma non è intervenuto?
Gli attentati di venerdì 13 novembre sono il risultato del lassismo del governo e di politiche complici. Da anni sappiamo che ci sarebbe stato un attacco simile. Questa è l’incompetenza francese: dalla strage di Charlie Hebdo di gennaio l’esecutivo era stato avvertito. E che cosa è stato fatto? Sono stati creati un numero di telefono e un sito internet. Niente di più.

Voi invece cosa proponete?
Intanto il commissariamento della banlieue di Saint-Denis. Poi a livello nazionale abbiamo quattro proposte: smettere di armare l’Isis in Siria, espellere tutti gli islamisti radicali che hanno una “fiche S” (potenzialmente pericolosi per la sicurezza dello Stato ndr), chiudere le frontiere e riarmare le forze di sicurezza. La giustizia vuole fare il suo lavoro, ma non ha mezzi.

Rappresentanti della comunità musulmana dicono che chiedere di togliere il velo o chiudere le moschee aumenta la tensione.
Quelle persone non sono rappresentative: sono dei radicali. Noi sappiamo che la maggior parte dei membri della comunità non è così. Il burqa è uno dei simboli dello Stato islamico. E i musulmani in Francia sono d’accordo che l’islamismo radicale deve essere combattuto nelle sue espressioni terroriste, comunitariste e di oppressione. Ovvero quelle che si trovano nella maggior parte delle banlieue.

Il fondatore del partito musulmano in Francia dice che laicità significa poter essere liberi di praticare il proprio culto.
Anche lui è un radicale. In tutti Paesi il potere politico ha controllo sulle pratiche religiose. Se un prete si mette a fare quello che vuole, viene sanzionato e la chiesa chiusa. Vogliono convincermi che non possiamo farlo con l’Islam? Chi dice così ha una responsabilità diretta nelle morti di venerdì 13 novembre.

I musulmani francesi si lamentano di un clima di diffidenza e discriminazione, voi cosa rispondete?
I musulmani francesi non dicono questo. Sono domande provocatorie.

Conoscete la Lega Nord?
Poco. Siamo due partiti diversi e ognuno fa la sua campagna nel suo Paese. Noi diciamo ai musulmani: voi siete francesi come gli altri e dovete rispettare le regole della laicità, e se farete così tutto andrà meglio. Ma non dobbiamo fare alcuna confusione tra l’Islam radicale dei terroristi e la maggioranza dei musulmani. Quelli che dicono il contrario sono degli stronzi.

Il leader della Lega Nord ha detto che i pacifisti sono complici dei terroristi. Un deputato ha aggiunto: “Chi mi parla dell’Islam moderato lo prendo a calci in culo” e il giornale “Libero” il giorno dopo gli attacchi ha titolato: “Bastardi islamici”.
Dichiarazioni simili in Francia? Non sarebbero possibili. Noi politici abbiamo una responsabilità e non possiamo esprimerci così. Nemmeno di fronte agli assassini. Mai. Non vale la pena. E’ chiaro che i giovani in Francia sono pieni di rabbia e gli animi sono molto tesi. Ma la funzione dei partiti è quella di canalizzare questo tipo di sentimento. Noi permettiamo alle persone di esprimersi democraticamente.

Lei è candidato alle prossime Regionali, se viene eletto cosa intende fare per prima cosa?
Bisogna riprendere in mano la gestione dei quartieri: bisogna ripartire da zero. Servono almeno 20 anni.

Nella pratica?
Ora devo proprio andare.