Il Parlamento europeo ha fissato nuovi massimali per i pagamenti con carte di credito e di debito. Per le operazioni transfrontaliere di carte di debito il massimale è fissato a 0,2% del valore della transazione, mentre per le transazioni con carta di debito nazionale lo stesso tetto dello 0,2% sarà applicato dopo un periodo di transizione di cinque anni durante il quale gli Stati membri possono fissare massimali allo 0,2% del “valore complessivo annuo delle operazioni nazionali tramite carta di debito all’interno di ciascun circuito di carte di pagamento”. La normativa è stata approvata dal Parlamento europeo riunito in sessione plenaria a Strasburgo con 621 a favore, 26 contrari e 29 astensioni.  Inoltre per le transazioni minori con carte di debito nazionali gli Stati membri avranno la possibilità di fissare una commissione massima pari a 0,05 euro per ogni transazione alla scadenza di un periodo di transizione di cinque anni. Per le operazioni con carta di credito le spese saranno limitate a un massimo dello 0,3% del valore della transazione, mentre gli Stati membri potranno fissare un massimale inferiore per le transazioni con carte di credito nazionali.