Li vuole in contanti, assolutamente. Ilona Staller, in arte Cicciolina, ex pornostar ma soprattutto ex parlamentare radicale dal 1987 al 1992 e leader del cosiddetto “Partito dell’Amore” (con Moana Pozzi presero l’1%), bussa da tempo alle porte degli uffici amministrativi di Montecitorio per avere cash  il vitalizio da tre mila euro lordi (poco meno di 2 mila euro netti) che da qualche anno riscuote per i suoi cinque anni trascorsi a Montecitorio.

Cicciolina infatti ha un problema, anzi più di uno con l’ex marito Jeff Koons, artista statunitense. I due si sposarono a Budapest nel 1991, divorziarono nel 1994 ma fecere in tempo a concepire Ludwig Maximilian che oggi ha più di venti anni. Sull’affidamento dell’erede, ma anche su altre questioni post matrimoniali, Koons e la Staller hannno avviato varie controversie legali.

Una di queste si è svolta negli Stati Uniti e , a quanto pare, ha visto l’ex pornostar avere la peggio. Circostanza per la quale, alla fine, le è arrivato un salatissimo conto da un legale americano.

Davanti alla ricca parcella, Cicciolina ha resistito. Anzi, ha cercato, perchè alla fine non vedendo arrivare il dovuto, l’avvocato pare abbia chiesto  e ottenuto un pignoramento a carico dell’ex pornostar, naturalmente sul conto corrente della Staller, lo stesso sul quale mensilmente la Camera versa il discreto vitalizio. Da qui,  la sua richiesta agli uffici di Montecitorio di versarle l’importo in contanti al fine di salvare il denaro.

All’assegno pensionistico,  l’ex onorevole ci tiene, anche se non sembra insensibile alle critiche dei cittadini verso il trattamento privilegiato degli ex deputati e senatori. “Mi rendo conto che è impopolare”, spiega la Staller, “ma il vitalizio mi spetta. Sono anche disposta a versarlo in beneficenza, ma soltanto se lo faranno anche gli altri”.

Nel frattempo, mentre continua a fare spettacoli ed esibizioni soprattutto all’estero (“In Italia mi hanno fatto terra bruciata intorno”, ha raccontato a ilfattoquotidiano.it), la Staller non demorde. E cerca in tutti i modi di salvare la pensione cercando di farsela pagare in contanti: “D’altra parte”, dice, “quei soldi me li sono meritati: per questo li difendo”.

 

Twitter: @GiuseppeFalci