Indaga la Apple, ma anche l’Fbi per scoprire l’hacker che ha rubato le foto di alcune star di Hollywood nude dagli account iCloud, per poi pubblicarle sul sito 4chan

“Prendiamo la privacy degli utenti molto sul serio”, ha detto Natalie Kerry, portavoce della società californiana, al sito Re/code. Cupertino – che ha ricevuto lo smacco a pochi giorni dal lancio dell’iPhone 6 – non ha ammesso problemi di vulnerabilità, ma nei giorni scorsi sul web circolava uno ‘script’ per rubare le password su iCloud sfruttando una falla, ora sanata, in “Trova il mio iPhone”.

Ad essere coinvolte nel furto delle foto, pubblicate su alcuni social compreso Twitter, sono un centinaio di star hollywoodiane, tra cui Jennifer Lawrence, Kim Kardashian, Rihanna e Hillary Duff.

Stando a quanto ricostruito dai siti informatici Usa, per due giorni sarebbe stato disponibile online, su Github e su HackerNews, uno script con cui tentare inserimenti di password a ripetizione per entrare negli account di iCloud, la “nuvola” su cui i 320 milioni di utenti del servizio possono memorizzare contenuti e accedervi dai loro dispositivi (iPhone, iPad, iPod Touch, Mac e pc).

La falla su “Trova il mio iPhone” avrebbe consentito di tentare numerose volte l’accesso senza bloccare l’account o inviare un allarme al titolare dell’account stesso. Il “buco” sarebbe stato chiuso ieri da Apple. Al momento, utilizzando lo script, l’account viene bloccato dopo cinque tentativi.