Nessuna pace, né tantomeno una tregua. La guerra tra Beppe Grillo e Federico Pizzarotti è tutt’altro che finita. Dopo l’attacco del consigliere comunale bolognese Massimo Bugani, dal blog il leader del Movimento 5 stelle mette spalle al muro il suo sindaco, e l’argomento che ancora divide Parma da Milano e Genova è l’inceneritore di Ugozzolo che brucia rifiuti da fine agosto. “Pizzarotti risponda nel merito – tuona Grillo su Twitter – Perché non ha indetto referendum per stabilire se Parma preferisce le penali o l’inceneritore come promesso?”.

Il sindaco di Parma risponde dopo pochi minuti su Twitter: “Il mio numero è sempre lo stesso”. E poi pubblica una lunga nota: “Nel merito, caro Beppe Grillo, solo quando da cittadini ci si fa Stato, si comprende la differenza tra ciò che si può fare e quello che si vorrebbe fare, con i massimi poteri che un sindaco ha a disposizione. Se mi avessi chiamato invece di scrivere, ti avrei spiegato che non esistono penali che permettono la chiusura dell’impianto, che è privato. Le frasi riportate da Bugani, dal libro di Incerti, risalgono a pochi giorni dalle elezioni, quando da cittadini appena eletti non avevamo ancora tutte le informazioni a nostra disposizione. Leggo questi post critici, ma non ho mai letto una riga sul fatto che siamo stati la prima città Italiana di medie dimensioni ad entrare nei Comuni Virtuosi”.

E poi continua: “La questione non è più in mano al Comune, ma è passata alla Regione. Il nuovo piano di smaltimento rifiuti regionale rischia di vanificare gli ottimi risultati raggiunti con la raccolta differenziata: 66,5% in soli 2 anni. Questo ha obbligato a spegnere una delle due linee dell’inceneritore. E possiamo ancora affamarlo portando tutta la provincia oltre il 70%. Il prossimo passo? Il Movimento 5 Stelle di Parma ha intenzione di organizzare una manifestazione in Regione, coinvolgendo tutti gli eletti e attivisti regionali per bloccare il nuovo piano rifiuti regionale, che prevede di far entrare rifiuti da fuori provincia. Io ci sarò, mi auguro ci sarai anche tu. Io ogni giorno, con impegno e umiltà, porto avanti i valori di un Movimento che abbiamo contribuito a costruire. A questo punto ti chiedo: vuoi continuare con questo atteggiamento, fidandoti di gente che vuole il male del Movimento, o vogliamo tornare a risolvere i problemi dei cittadini?”.

Se prima il peccato originale di Pizzarotti era quello di non essere riuscito a spegnere l’inceneritore, come promesso in campagna elettorale, e come gli ha rinfacciato un mese fa Gianroberto Casaleggio, ora il fuoco amico del Movimento spara su altre mancate promesse. Puntando su una delle dichiarazioni contestate da Bugani al sindaco di Parma, che nel libro di Matteo Incerti disse: “La parola tornerà ai cittadini di Parma. Chiederemo loro con un referendum senza quorum se vorranno pagare le penali oppure tenere un inceneritore.” L’accensione dell’impianto aveva già diviso e creato tensioni tra Pizzarotti e Grillo, ma gli ultimi successi ottenuti dai Cinque stelle a Parma, come l’aumento della raccolta differenziata e l’ingresso nell’associazione Comuni virtuosi, sembravano potere placare le ire dei vertici del Movimento.

A riaccendere la miccia è stato pochi giorni fa Bugani, con il post al veleno sulle “mancate promesse” del primo cittadino ducale, e in particolare sull’inceneritore e sulla questione referendum. Un messaggio a cui Pizzarotti aveva risposto duramente, accusando il consigliere bolognese di voler spaccare il Movimento, e che aveva attirato sul sindaco la solidarietà di centinaia di attivisti e simpatizzanti in Rete. Ma il nuovo Tweet di Grillo riprende esattamente le stesse questioni sollevate da Bugani, consacrando l’attacco del consigliere comunale e facendolo diventare una questione dei vertici del Movimento, decisi a inchiodare Pizzarotti alle proprie responsabilità. L’inceneritore è però solo la punta dell’iceberg, un nodo del contendere simbolico per uno scontro che va avanti da mesi e che si fonda su ben altri argomenti.

Da tempo Pizzarotti non è più ben visto da Grillo, nonostante il sindaco abbia più volte dichiarato di essersi chiarito con il suo leader, che non incontra di persona da oltre un anno e mezzo. Nell’ultima intervista rilasciata a “Otto e Mezzo” a La7, Pizzarotti si era mostrato sicuro: “Non penso proprio che sarò espulso – aveva detto – perché l’amministrazione che conduciamo è completamente all’interno del Movimento 5 stelle, sia come principi, sia come azioni quotidiane. Con Grillo ci siamo scambiati la massima fiducia e la massima voglia di andare avanti. Perché gli obiettivi devono sempre essere più importanti dei battibecchi”. La realtà però sembra ben diversa da quella che racconta il sindaco, che nell’ultimo periodo è stato contestato anche da una minoranza della base di attivisti e che da mesi ormai è nel mirino di Grillo e Casaleggio. Le dichiarazioni sulle espulsioni dal Movimento, sul sistema di scelta dei candidati alle europee, l’incontro con i candidati sindaci a Parma e infine perfino la bassa performance del 19 per cento dei Cinque stelle nella città ducale alle ultime consultazioni, sono stati motivi di ripetuti attacchi da parte dei leader. Ora la resa dei conti sembra inevitabile.