Federico Pizzarotti perde un pezzo della sua base. Una parte di attivisti di Parma fonderà un nuovo gruppo, staccandosi dall’associazione Parma in Movimento che ha dato i natali all’amministrazione Cinque stelle. Voci di malumori nei confronti della maggioranza del gruppo e dell’amministrazione circolavano da tempo, ma ora la secessione è imminente. Secondo fonti interne al Movimento, il gruppo, che si chiamerà Amici di Beppe Grillo di Parma e provincia, sarà ufficializzato la prossima settimana e conterà una ventina di persone. Un numero ridotto, ma che nel totale della base Cinque stelle legata all’amministrazione Pizzarotti, che conta circa 80 persone compresi consiglieri eletti e assessori, non è di poco conto

A spingere una parte di attivisti a staccarsi dalla base “ufficiale” è la contrarietà all’operato dell’amministrazione Pizzarotti, ritenuta dai secessionisti non in linea, e addirittura in contrasto, con i principi del Movimento. Una critica più volte sollevata nei confronti della giunta Cinque stelle ducale, che negli scorsi mesi è stata additata perfino da Beppe Grillo e da Gianroberto Casaleggio, che avevano suggerito al sindaco di fare un recall con la baseLa questione sollevata allora era la mancata promessa elettorale del sindaco di spegnere l’inceneritore. Ma il dissenso di coloro che si definiscono “attivisti Cinque stelle, a differenza dell’amministrazione di Parma”, è anche verso altre azioni portate avanti da Pizzarotti e dai suoi negli ultimi due anni. C’è il problema delle esternalizzazioni dei servizi, della cementificazione, del rapporto ambivalente con la multiutility Iren che gestisce il forno di Ugozzolo e perfino della mancanza di partecipazione e impossibilità di confronto tra attivisti ed eletti

Lo staff di Grillo e Casaleggio è già stato informato della decisione, anche se il battesimo da parte dei vertici non è ancora avvenuto, a causa degli impegni elettorali di queste settimane. Per ora nella nuova formazione di attivisti non ci sono membri dell’amministrazione comunale, anche se nell’ultimo consiglio dai banchi della maggioranza si erano levate voci di dissenso per la linea tenuta dal Comune su una collaborazione riguardante l’Expo, ritenuta dal consigliere Mauro Nuzzo “contraria alla linea del M5S” e anche altri temi come la cementificazione avevano creato piccole spaccature nel gruppo anche nei mesi scorsi.

La maggioranza in consiglio però per ora rimane salda, come confermato dal capogruppo Marco Bosi. Anche il sindaco Pizzarotti, ilfattoquotidiano.it  ha riferito di essere sereno rispetto alla nascita del nuovo gruppo: “Sono una minoranza di persone che appellano al ‘purismo’, ma che non hanno idea di quali siano i valori dei Cinque stelle, che noi portiamo avanti. Credo che non sarebbero in grado di motivare le ragioni per cui criticano il nostro operato. In ogni caso, quando mi porranno le questioni, saprò rispondere”.

Solo pochi giorni fa i membri del Movimento 5 stelle di Parma, in una riflessione generale sui risultati delle europee, avevano ammesso di dover fare autocritica anche come attivisti: “Potevamo fare di più e meglio, anche per comunicare ai cittadini gli obiettivi raggiunti dall’attuale amministrazione”, spiegavano in una nota. Nella lista dei traguardi da comunicare, “la raccolta differenziata che affama l’inceneritore, la salvaguardia dei servizi sociali ai cittadini, il risanamento avviato del bilancio devastato dalle precedenti amministrazioni”. Nella nota il Movimento di Parma aveva anche ribadito la contrarietà all’inceneritore: “Questa non è guerra che si vince in una battaglia sola. Siamo orgogliosi della trasparenza con cui opera il Comune”, continuava la nota, concludendo con un ringraziamento al fondatore del Movimento: “Grazie Beppe di aver permesso tutto questo”.