Quanti italiani hanno votato due volte alle elezioni europee, infrangendo, magari, inconsapevolmente, la legge? L’italo-tedesco Giovanni di Lorenzo, direttore del settimanale Die Zeit, ha raccontato in tv di averlo fatto, una volta come italiano e l’altra come tedesco. Non è un caso isolato. Un collaboratore di ilfattoquotidiano.it, italiano residente a Londra, si è trovato in una situazione identica. Dopo aver votato per le europee “italiane” attraverso il consolato, si è visto consegnare anche la scheda per le europee “inglesi” quando si è presentato al seggio delle amministrative di un Comune della Grande Lndra. Non ne ha approfittato, ha segnalato l’inconveniente e fonti dipolomatiche italiane a Londra hanno ammesso “problemi di comunicazione” tra le autorità dei due paesi. Ma per la legge italiana, il doppio voto resta un reato penale che prevede “la reclusione da uno a tre anni e la multa da euro 51 a euro 258”, secondo l’articolo 49 della legge 18/1979.

Di Lorenzo ha svelato l’episodio nello studio di Guenther Jauch, conduttore del primo talkshow politico della Germania. Il giornalista è stato denunciato, e la procura di Amburgo ha aperto un’inchiesta a suo carico. Di Lorenzo ha spiegato di aver votato una volta al consolato italiano di Amburgo, come cittadino italiano, e una volta nella scuola elementare della città del nord come cittadino federale. “Mi dispiace davvero – si è giustificato con la Bild -. Non sapevo che non fosse permesso votare in due Paesi. Se lo avessi saputo non lo avrei fatto, e naturalmente non lo avrei raccontato nella trasmissione di Guenther Jauch’’.