Una colonna sonora per il palato, un modo per creare tra note e sapori una speciale armonia in grado di adattarsi ai diversi tipi di persone, ai loro gusti musicali e gastronomici. C’è anche questo nel nuovo progetto del vulcanico chef Alessandro Borghese, diventato un personaggio pure al di fuori dell’ambiente culinario grazie ai programmi televisivi ai quali ha partecipato (attualmente è sul piccolo schermo con i cuochi-bambini di MasterChef Junior).

Si tratta di “Kitchen Shuffle”, un cofanetto contenente un doppio cd con 30 brani e un libretto di storie di musica e ricette che Borghese ha recentemente presentato a Milano. Un prodotto nato da una passione per la musica che Borghese si porta dietro fin dall’infanzia: soprattutto rock, ma senza disdegnare incursioni nel jazz e nel blues. Un interesse che lo ha seguito anche quando ha messo a frutto il suo talento culinario: «Ascolto da sempre musica in cucina assieme alla mia brigata ai fornelli – ha spiegato lo chef – e da appassionato di internet e social network ho pensato di creare in rete una selezione della mia musica che ascolto quando cucino, da scambiare e condividere con chi mi segue. Il progetto ha funzionato talmente bene che poi una casa discografica mi ha proposto di mettere il tutto su un supporto fisico come il cd, per quello che è diventato il primo progetto gastromusicale d’Italia».

I 30 brani del cd spaziano da Johnny Cash a Louis Armstrong fino a Bob Dylan, ai System of a Down, i Judas Priest e gli Earth, Wind & Fire e sono suddivisi in 6 gruppi da 5 pezzi ognuno dei quali, grazie anche all’accostamento con determinate ricette, descrive un particolare percorso dedicato a diverse categorie umane o situazioni (“ai pensatori”, “ai festaioli”, “alla domenica in famiglia”, “a chi se lo merita”, “a te” e “ai viaggiatori, ai sognatori e ai mangiatori”). Per quanto riguarda ai piatti ci si muove in un universo ispirato e molto ampio che comprende, ad esempio, sandwich all’astice, rollè di coniglio, alici fritte “indiavolate” e la pasta e patate.

(Foto tratte dal sito e dalla pagina Facebook ufficiale)

www.puntarellarossa.it