La procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo sui rimborsi spese per le missioni e le trasferte degli amministratori comunali (consiglieri, assessori, dirigenti). Nei giorni scorsi i consiglieri comunali di Progetto Reggio avevano sollevato la questione di rimborsi spese ritenuti strani: per esempio indennità ottenute senza presentare lo scontrino, oppure cene per due senza sapere chi era l’altro commensale, pranzi senza scontrini e ancora un bicchiere di whisky da 10 euro. Per il momento si tratta di un fascicolo senza indagati, né ipotesi di reato.