Nuove accuse del governatore pugliese Nichi Vendola contro ilfattoquotidiano.it, reo di aver pubblicato la conversazione nella quale lo si sente ridere e complimentarsi per la mossa con cui l’ex responsabile relazioni istituzionali dell’Ilva Girolamo Archinà strappa di mano il microfono a un cronista mentre chiedeva conto al patron del siderurgico delle morti di tumore a Taranto. “La telefonata pubblicata sul web è stata montata”, accusa il presidente. Non solo: “Le parti finali sono state spostate all’inizio e il tempo della mia risata è stato allungato”. Accuse pesanti, ma soprattutto false. Certo, il video è stato montato solo per renderlo più fruibile agli ascoltatori, ma non è stato manipolato né enfatizzato alcun silenzio o risata. Ma c’è di più, perché ilfattoquotidiano.it ha contestualmente pubblicato – nella stessa pagina – l’intercettazione integrale, in modo che i lettori del sito potessero avere a disposizione anche il materiale grezzo, così come l’hanno ascoltato la prima volta i cronisti autori dello scoop. Dettagli che evidentemente a Vendola non interessano o forse sceglie di dimenticare durante il suo intervento al Consiglio regionale straordinario convocato apposta per discutere dell’intercettazione pubblicata in esclusiva da questo sito.


video di Mary Tota

C’è da dire che il governatore è in buona compagnia, perché anche Michele Losappio, capogruppo Sel alla Regione Puglia, dimentica un paio di dettagli fondamentali tanto da derubricare il pezzo del Fatto in “una cosa organizzata da estremisti grillini” e non in una notizia che qualunque giornalista ha il dovere di pubblicare. A proposito di Movimento 5 Stelle, Losappio dovrebbe ricordare che un post pubblicato sul blog di Beppe Grillo invitava simpatizzanti e attivisti 5 Stelle a non comprare più il Fatto Quotidiano perché scritto da “falsi amici”. Il motivo? La pubblicazione di notizie non gradite alla galassia grillina.

Per il resto l’assemblea pugliese è stata un’occasione perduta. Nonostante il Consiglio si sia protratto per ben 8 ore, quasi mai si è voluti entrare nel merito della questione che la pubblicazione di quell’audio impone: le parole di Vendola, la sua confidenza con Archinà, il tono confidenziale e compiaciuto è politicamente opportuno, oppure no? L’unico a dare una risposta è l’assessore Leo Caroli: “Le relazioni industriali sono fatte di relazioni umane, che si realizzano anche con telefonate di questo tipo, per inseguire gli interlocutori, portarli a un dibattito e raggiungere l’obiettivo”. Un’opinione discutibile, certo, ma che almeno entra nel merito della questione. Invece la sfiancante seduta s’è dilungata su ben altro. Vendola ha prodotto un pamphlet di 23 pagine (più un centinaio di allegati) per dimostrare il corretto operato della sua giunta dal 2005 a oggi. Pamphlet letto riga per riga – episodio anomalo per un oratore della riconosciuta abilità di Vendola – nel quale parla di “bolla di diffamazione” e indica, senza nominarli, alcuni ambientalisti legati esclusivamente alla loro bandiera.

Nessuna mozione di sfiducia dall’opposizione. Nessuna mozione di fiducia dalla maggioranza. Con interventi straordinari come quello di Francesco Damone del Gruppo misto che parla di “intercettazione estorta mentre vige ancora il segreto istruttorio”. Senza sapere che gli atti dell’inchiesta che, fra gli altri, vede indagato anche Vendola, erano stati depositati il giorno prima.