Togliere i bonus ai manager delle banche salvate dal fallimento con soldi pubblici potrebbe essere una “violazione dei diritti umani”. Lo scrive la Banca d’Inghilterra in un documento ufficiale, rispondendo ad un report in cui la Commissione parlamentare sugli standard bancari chiedeva un nuovo sistema di controllo, maggiore responsabilizzazione e sanzioni certe per i dirigenti degli istituti di credito salvati sull’orlo del baratro. E mentre nel Regno Unito si fa sempre più dura la lotta dei livelli alti della politica e della finanza contro il tetto ai bonus imposto dall’Ue, nei Paesi Bassi una banca decide di abolirli: è Rabobank, tra i più grandi istituti olandesi. “I bonus non sono più compatibili con il ruolo economico che Rabobank svolge nella società olandese”, ha annunciato il presidente Wout Dekker. In Europa è il primo caso in 40 anni. 

7 ottobre 2013. Bank of England pubblica la sua “Risposta al Final report of the Parliamentary Commission on banking Standards” del 19 giugno, in cui il parlamento chiedeva varie riforme del sistema britannico, piagato dai salvataggi in extremis a suon di miliardi – 133 in tutto – di giganti come la Royal Bank of Scotland. Secondo la Commissione, il pagamento dei bonus dei dirigenti senior andrebbe sempre spalmato su più anni. Questo perché “i bonus in genere vengono pagati annualmente (…) mentre le conseguenze delle decisioni nocive possono essere identificate solo molto tempo dopo che sono state prese” (leggi pdf). Per questo la Commissione raccomanda “che una parte sostanziale della remunerazione venga differita fino ad un massimo di 10 anni”. “Questo differimento – si legge ancora – permette di recuperare parte del compenso nel caso in cui alla banca vengano comminate delle multe o nei casi di comportamenti sbagliati come quelli ravvisati nello scandalo Libor”. Di qui la proposta: “Le retribuzioni differite dei dirigenti (…) dovrebbero essere sospese in tutti i casi in cui una banca necessiti del sostegno diretto dei contribuenti”, ovvero in cui venga salvata dal crac mediante un’iniezione di soldi pubblici. Ma nella sua risposta la Bank of England frena bruscamente: le autorità dovrebbero trovare il modo di “affrontare il tema in osservanza delle disposizioni europee sui Diritti Umani”. 

Oltremanica la possibilità di bloccare i premi non ancora pagati esiste già, ma ai piani alti della finanza l’argomento “bonus” resta tabù e l’argomentazione dei diritti umani è tra le più utilizzate. Nel dicembre 2009, in piena bufera, il ministro delle finanze Alistair Darling propose nel Pre-Budget Report “una super tassa punitiva del 50% su tutti i bonus superiori alle 25 mila sterline”. La levata di scudi fu immediata: “Siamo stati contattati da altri banchieri – rivelò Bill Dodwell, head of taxation di Deloitte – ci appelleremo allo Human Rights Act”. La Commissione parlamentare sui diritti umani prese la cosa sul serio, al punto da avviare un’inchiesta. Al termine della quale concluse che l’articolo 1 della Convenzione Ue sui Diritti Umani garantisce il “pacifico godimento dei beni di possesso” – bonus inclusi – ma stabilisce anche che il diritto alla proprietà non deve impedire il pagamento delle tasse. Per questo “nessuna delle disposizione contenute nella legge contrasta con la Convenzione” (leggi pdf) 

La guerra continua e in campo ci sono anche i politici. A guidare la crociata è George Osborne. Il 25 settembre il ministro del Tesoro si è appellato alla Corte di Giustizia Europea contro il tetto imposto dall’Ue, in vigore dal 1° gennaio 2014, che limita i premi al 100% dello stipendio base e al 200% in caso di accordo con gli azionisti: “Il provvedimento sottoporrà ad ulteriori rischi l’intero settore, perché causerà l’aumento della parte fissa dello stipendio, che non può essere revocata in caso di cattiva amministrazione a differenza dei bonus, rendendo le banche ancora più vulnerabili”. 

Ma in Europa c’è chi non aspetta il 2014 e, su pressione dell’opinione pubblica, cambia marcia. Rabobank, uno dei più grandi istituti olandesi, è la prima banca europea in 40 anni ad aver abolito di propria iniziativa i bonus per i suoi manager: l’ultima a farlo era stata la svedese Svenska Handelsbanken nel 1970. Lo ha annunciato giovedì il presidente Wout Dekker: “Prendiamo atto dell’opinione dei nostri azionisti, dei nostri clienti e del modo in cui l’opinione pubblica considera gli stipendi dei manager”. Alle prese con una profonda ristrutturazione, chiusure di sedi e riduzioni del personale, l’istituto (coinvolto nello scandalo Libor ma tra i pochi non essere stati salvati durante la crisi) aveva già fissato un tetto del 30% ai premi. Che ora, conclude la nota di Dekker, “non sono più compatibili con il ruolo economico che Rabobank svolge nella società olandese”.