Oggi, primo giorno da disoccupato, ho scritto a Giorgio Napolitano. Caro Presidente da stamattina 76.407 persone hanno il mio stesso marchio inciso sulla pelle: disoccupato. Ci aggiungiamo ai tre milioni che già sono senza lavoro. Forse lei non si sarà accorto, forse il ministro dell’istruzione non l’avrà scomodata per dirle che migliaia di insegnanti, quelli che educano i nostri figli, da oggi non hanno un lavoro, uno stipendio, un futuro solo perché vengono usati per 10 mesi l’anno e poi lasciati sulla strada.

corlazzoli-marchioCerto lei non vedrà neanche questa mia missiva perché ci penserà qualche consigliere del Presidente della Repubblica a rispondermi, come avviene sempre. Ma se dovesse capitare che le arrivi tra le mani questa mia lettera vorrei spiegarle quello che le direi se un giorno, anziché accogliere al Quirinale, diplomatici, campioni, cantanti e cavalieri del lavoro, aprisse le sue porte a una delegazione di cavalieri della disoccupazione.

Oggi come da sette anni a questa parte, da quando faccio l’insegnante, sono dovuto andare al centro per l’impiego: lunedì c’erano 200 persone a Crema, la maggior parte donne. Sono arrivate con i loro bambini. Spesso sono madri del Sud che per tutto l’anno hanno lavorato qui al settentrione, distanti dalla loro famiglia con uno stipendio che serviva a malapena a ripagarsi l’affitto. Non vedono l’ora di ritornare a casa, per riabbracciare il marito, i genitori.

Siamo migranti, stranieri nella propria patria. Sì, perché caro presidente Giorgio Napolitano, noi disoccupati ci sentiamo stranieri in questa Italia che ci abbandona, che non ci dà speranza. Non so se lei conosce i dati che ci riguardano.

Mi permetto di illustrarglieli: secondo i recenti numeri della Flc Cgil attualmente i posti in organico di fatto, cioè con durata fino al 30 giugno, sono 76.407, di cui 13.260 ATA e 63.147 docentiL’andamento storico di questi posti negli anni è costante. Ciò vuol dire che essi servono per coprire esigenze stabili dell’amministrazione, quali ad esempio i posti per il sostegno agli alunni con disabilità o la presenza di almeno un collaboratore a plesso. Stabilizzarli costa in media 150 euro (lordo stato) in più l’anno a posto, ma il beneficio sulla qualità del servizio e delle persone sarebbe enorme e in termini di prestazione lavorativa e di stabilità di programmazione. Senza contare che il Miur risparmierebbe le spese legali a cui spesso viene condannato dai giudici per abuso dei contratti a temine. Pensi che il risparmio dell’amministrazione tra un contratto al 30 giugno e uno al  31 agosto è di sole 150 euro.

Eppure, guardando ai dati, questi docenti a settembre serviranno. Ma a noi non è dato sapere che ci succederà. Le nostre vite sono appese a qualcuno che deciderà a pochi giorni dall’inizio della scuola, il nostro futuro quando tutto potrebbe essere risolto tra giugno e luglio. E se qualcuno di noi, come capita a me da giornalista, provvede a procurarsi la pagnotta facendo qualche altro lavoro viene punito da tasse allucinanti.

Signor presidente, sono cresciuto con il poster di Sandro Pertini in camera. Ma ora faccio fatica a guardare la sua foto appesa a scuola perché in questo Paese non mi sento ascoltato da lei che, mentre affondiamo, quando si muove per l’Italia lo fa con un codazzo di auto blu (l’ho vista di persona a Cremona) e nemmeno da chi in questo Parlamento non sceglie di tagliare il finanziamento ai partiti e continua a restare casta.

Non avrei mai voluto dire ai miei alunni: fuggite dall’Italia, qui non c’è speranza. Ma io precario, disoccupato, non voglio che i miei ragazzi facciano la mia stessa fine: sogno per loro una vita dove possano avere una loro casa, poter fare famiglia, sentirsi realizzati sul piano professionale, essere laureati in lettere e non finire a fare i camerieri. L’ultimo giorno di scuola il maestro disoccupato ha regalato la Costituzione ai suoi alunni perché m’illudo ancora che quel “L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro” non sia solo scritto su un pezzo di carta che ormai a fatica sentiamo ancora nostro.

Nella vana speranza che legga lei questa lettera e che ci si possa incontrare,

un maestro disoccupato