Mentre le prime Fiat 500L destinate agli Stati Uniti sbarcano nel porto canadese di Halifax, dall’altra parte del mondo, in Serbia, un operaio scontento del salario e delle condizioni di lavoro ha danneggiato 31 vetture dello stesso modello. L’episodio di protesta è avvenuto durante il turno di notte fra venerdì e sabato scorso nello stabilimento del Lingotto di Kragujevac e il danno arrecato alle auto ammonta a circa 50mila euro.

La direzione di Fiat Serbia ha avviato un’inchiesta interna, interrogando tutti gli operai attivi in quel turno. L’operaio insoddisfatto avrebbe fatto uso di un oggetto metallico per graffiare pesantemente le parti di carrozzeria in catena di montaggio, scrivendo su alcune auto “mangiatori di rane (termine dispregiativo per indicare gli italiani, ndr) andate via dalla Serbia” e “Russo (un caporeparto, ndr), aumenta i salari”. I giornali locali non escludono che il lavoratore abbia avuto un litigio con il caporeparto a causa di una intensificazione dei ritmi di lavoro.

Zoran Mihajlovic, leader del sindacato interno allo stabilimento di Kragujevac, ha detto che la grafia dei messaggi ostili è identica e per questo si pensa che a danneggiare le auto sia stata la stessa persona. La paga media mensile a Fiat Serbia ammonta a 34mila dinari (306 euro circa), mentre il salario medio è stato calcolato per aprile a 46mila dinari (414 euro). Nelle ultime settimane, a causa di una forte domanda del nuovo modello di 500L, sono stati intensificati i turni di lavoro. All’impianto di Kragujevac lavorano attualmente 2.400 operai, che saliranno a 3mila entro l’anno.

“Condanniamo l’episodio, ma al tempo stesso va detto che la situazione in fabbrica non è affatto piacevole, con un gran numero di lavoratori sottoposti a forte pressione fisica e psicologica. Si lavora a ritmi infernali e sotto forte stress“, ha commentato Mihajlovic. Il sindacato ha condannato l’episodio e sollecitato un’inchiesta, ma ha tuttavia sottolineato al tempo stesso una situazione difficile in fabbrica e un’atmosfera di crescente insofferenza nei confronti del management. Per la nuova Fiat 500L c’è infatti una forte domanda, oltre all’Europa ha preso il via in questi giorni anche l’export negli Stati Uniti e in Canada, e i ritmi produttivi aumentano in continuazione.

“Occorre maggiore collaborazione e più attenzione alle condizioni psicologiche degli operai, alle relazioni interne”, ha osservato Mihajlovic secondo cui i ritmi di lavoro instaurati in fabbrica sono eccessivi. “Nel management della fabbrica ci sono circa 500 italiani, ma tra loro e i nostri operai ci sono incomprensioni che vengono spesso sottovalutate, e ciò causa insoddisfazione e litigi. Sarebbe meglio che nel management ci fosse anche qualche serbo, che conosce meglio la nostra mentalità”.