L’ultima trovata dei corazzieri di complemento, giornalisti terrorizzati dall’eventualità che esca una notizia, è irresistibile. Dicono che Napolitano non può aderire al nostro appello di divulgare il contenuto delle sue telefonate con Mancino perché 1) non ne possiede le bobine (depositate in cassaforte dalla Procura) né le trascrizioni (mai disposte dagli inquirenti); 2) le conversazioni sono coperte da segreto investigativo e dunque, parlandone, commetterebbe un reato. Antonio Polito sul Corriere: “Napolitano non dispone del testo delle telefonate. In nome della legalità lo si invita a commettere un reato, visto che le telefonate sono secretate”. Massimo Franco sul Corriere (repetita juvant): quanti “chiedono che il Quirinale renda pubblico il contenuto…forse non sanno che le intercettazioni non sono in mano a Napolitano e la loro richiesta è un’istigazione alla violazione del segreto istruttorio”. Ezio Mauro su Repubblica: “Napolitano non ha le ‘carte’ da ‘mostrare al popolo’, perché i magistrati le tengono riservate”. Michele Vietti, vicepresidente Csm: “Ogni appello a divulgare le intercettazioni è irricevibile”.

Sta’ a vedere che il reato l’abbiamo commesso noi. Purtroppo non basta ripetere all’infinito una bugia per trasformarla in verità. Napolitano, se vuole, può tranquillamente rivelare quel che disse a Mancino nelle telefonate intercettate sull’utenza dell’amico, senza violare segreti né commettere reati. Il Codice penale punisce “il pubblico ufficiale o la persona incaricata di un pubblico servizio che, violando i doveri inerenti alle funzioni o al servizio, o comunque abusando della sua qualità, rivela notizie di ufficio, le quali debbano rimanere segrete” (art. 326). Nel caso di intercettazioni segretate, sono i pm e i poliziotti, cioè i pubblici ufficiali che ne sono depositari a non poterle rivelare. Ma chi quelle telefonate le ha fatte le conosce di suo, senza consultare atti segreti, dunque può raccontare quel che ha detto senza bisogno di nastri o verbali.

Se Mancino parla due o più volte in sei mesi col Capo dello Stato, potrà dire che non ricorda le parole esatte, non che ignora l’argomento. Idem Napolitano. Si fecero gli auguri di Natale o di compleanno? Sparlarono – come sostiene Panorama – dei pm, di B. e di Di Pietro? Concordarono interventi contro l’indagine sulla trattativa, come lasciano desumere le telefonate coeve fra Mancino e D’Ambrosio, il quale diceva di agire su mandato del Presidente che aveva “preso a cuore” le sorti dell’amico Nicola? Sarebbero bastate poche parole a fine giugno, quando si seppe delle intercettazioni indirette, per stroncare sul nascere sospetti, polemiche, illazioni, ricatti. Se una figura come Napolitano dichiarasse solennemente di aver detto certe cose e non altre, nessuno dubiterebbe della sua parola. Anche perché, se per assurdo mentisse, basterebbe una fuga di notizie a sbugiardarlo. Per dissipare i residui sospetti, avrebbe potuto aggiungere un impegno: quello di inviare, in qualità di terzo intercettato, i suoi legali (e non l’Avvocatura dello Stato, trattandosi di chiacchiere fra amici) dal gip per chiedere non la distruzione, ma la conservazione delle sue telefonate, così che gli avvocati degli indagati (per esempio, Mancino) possano divulgarne il testo.

Napolitano non l’ha fatto prima e non può più farlo ora perché, forse mal consigliato, s’è messo in testa che la Costituzione lo renda inascoltabile come il Re Sole, qualunque cosa dica e con chiunque parli. Di qui l’atto suicida del conflitto di attribuzione contro la Procura. Peccato che Montanelli non sia più tra noi. Nel 1978, quando Pertini fu eletto Presidente della Repubblica, gli scrisse un telegramma: “Che Dio Le conceda il coraggio, Presidente, di fare le cose che si possono e che si debbono fare; l’umiltà di rinunziare a quelle che si possono ma non si debbono, e a quelle che si debbono ma non si possono fare; e la saggezza di distinguere sempre le une dalle altre”.

Il Fatto Quotidiano, 1 settembre 2012