Mossa a sorpresa del social network Facebook, che ha modificato le informazioni personali di tutti i suoi iscritti sostituendo l’indirizzo email originale con il nuovo ‘nome.cognome@facebook.com‘. La novità era già stata annunciata nei mesi scorsi, ma nessuno si aspettava che il sito procedesse a una sostituzione ‘d’ufficio’. Comprensibile la reazione degli utenti, furibondi per un atto d’imperio che ha chiaramente scopi commerciali: trasformando i 900 milioni di iscritti in altrettanti utilizzatori del servizio di posta elettronica targato Facebook, l’azienda di Zuckerberg si garantirebbe un enorme potenziale pubblicitario. Senza contare il fatto che sulle pagine dello stesso social network l’indirizzo email facebook.com è ancora indicato come uno strumento “opzionale”.

Il comunicato dell’azienda cerca di gettare acqua sul fuoco: “Come annunciato in Aprile, Facebook ha aggiornato gli indirizzi email per renderli più coerenti sulla piattaforma. Oltre ad avere creato un indirizzo personale per ogni utente, Facebook ha lanciato una nuova impostazione per dare agli utenti la possibilità di decidere quale indirizzo preferiscono rendere visibile sulla propria Timeline. Dal lancio della Timeline gli utenti hanno avuto la possibilità di controllare quali post pubblicare o nascondere in Bacheca; oggi questa possibilità è stata estesa anche ad altre informazioni, a partire dagli indirizzi email”.

Ma ripristinare il vecchio indirizzo di posta elettronica non è facilissimo: visualizzando le impostazioni del proprio account l’indirizzo principale non risulta essere modificato, ma sulle informazioni mostrate agli amici o ai visitatori della propria pagina viene mostrato solo quello di Facebook. L’unico metodo per nascondere la nuova email è quello di modificare le Informazioni di contatto del proprio account impostandole in modo che il nuovo indirizzo non sia visibile sul diario.

I timori per l’introduzione dell’email targata Facebook, però, non finiscono qui. I messaggi inviati al nuovo indirizzo, infatti, vengono visualizzati come tutti gli altri messaggi interni al social network, con tanto di evidente notifica ogni volta che si riceve un’email. Sul web c’è già chi si domanda quanto spam si rischierà di ricevere nei prossimi mesi e se i ragazzi di Zuckerberg abbiano dotato il servizio di un sistema anti-spam integrato.