Skip to content


Sei in: Il Fatto Quotidiano > Videogallery > Norma antizoom,...

Norma antizoom, la Casta impone regole e sanzioni ai fotografi

La norma anti-zoom voluta dall’ufficio di Presidenza della Camera dei deputati contro fotografi e cameraman verrà solo in parte annullata. Il tutto nasce dalle famigerate foto in Aula ai biglietti di B. e Letta. Da lì il giro di vite. Per accedere alla tribuna stampa di Montecitorio, infatti, i fotografi devono firmare un modulo in cui si impegnano a non usare macchine fotografiche e telecamere. Così ieri si è trovato un compromesso (al ribasso per i fotografi ovviamente): i fotografi dovranno firmare un codice di autoregolamentazione. Sarà l’associazione dei fotografi e non il collegio dei questori della Camera a comminare le sanzioni per chi trasgredisce. Ma cosa cambia in sostanza? Vi sarà il divieto di immortalare telefonini e lettere dei deputati. Per il presidente della Camera, Gianfranco Fini, la norma parla chiaro: l’aggettivo ‘epistolare’ sta a significare che deve essere mantenuta la “segretezza della corrispondenza” dei parlamentari. Secondo il presidente dell’Odg, Enzo Iacopino, invece “la norma resta ancora non del tutto chiara”.
Video di Manolo Lanaro


Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. E' necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Per alcuni giorni, a causa di ragioni tecniche, tutti commenti andranno in pre moderazione. Inoltre, chi posterà più volte lo stesso commento (anche se con parole diverse) verrà segnalato. Ti avvisiamo che verranno pubblicati solo i commenti provenienti da utenti registrati. La Redazione