Una manovra “lacrime e sangue” l’ha definita il premier. Ma quelle degli altri. A poche ore dalla approvazione della Manovra economica, il ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani si rifiuta di rispondere ad una semplice domanda: “Può un Paese pressoché sul lastrico permettersi di regalare un patrimonio in suo possesso stimabile in circa 2 miliardi di euro?” Nessuna risposta, bocca cucita. Forse perché fra le televisioni beneficiarie di almeno una nuova frequenza digitale c’è anche Mediaset, la tv del capo.  di Giovannij Lucci