”Siamo di fronte ad una nuova, eloquente e inoppugnabile prova dell’esistenza nel nostro Paese di un colossale conflitto di interesse”. Michele Santoro non ha dubbi sulle motivazioni che hanno spinto La7 a interrompere con lui le trattative. “Un accordo praticamente concluso – prosegue il giornalista -, annunciato dallo stesso telegiornale dell’editore coinvolto, apprezzato dal mercato con una crescita record del titolo, viene vanificato senza nessuna apprezzabile motivazione editoriale. Naturalmente non possiamo fornire le prove dell’esistenza di interventi esterni ma parla da solo l’interesse industriale che avrebbe avuto La7 ad ospitare un programma come il nostro nella sua offerta”.

Già il 16 giugno, intervenendo al programma radiofonico “Un giorno da pecora, in modo un po’ criptico, Santoro aveva fatto riferimento alla sostanziale mancanza di libertà di Telecom. ”Improvvisamente – spiega oggi il giornalista – ci sono stati posti gli stessi problemi legali che la Rai pone a Milena Gabanelli e norme contrattuali che noi consideriamo lesive della libertà degli autori e dei giornalisti. Per non tradire le attese del pubblico, ci siamo impegnati a farci  carico delle eventuali conseguenze legali delle nostre trasmissioni, ad autoprodurle e a procedere per gradi, senza un contratto quadro, con una prima serie di undici puntate. In questo modo, sia noi che l’editore, avremmo potuto liberamente valutare l’opportunità di continuare la collaborazione”.

“Ricordiamo a tutti – aggiunge Santoro – che il dottor Stella, amministratore delegato di Ti media aveva pubblicamente dichiarato che non c’erano divergenze economiche e che La7 non aveva nessun problema a mettere in onda un programma come Annozero. Un programma che, tra infinite difficoltà e attacchi di ogni tipo, è sempre stato realizzato in completa autonomia”. Inevitabile allora chiedersi: “Perché hanno cambiato idea? Chi ha interesse ad impedire che si formi nel nostro Paese un terzo polo televisivo che rompa la logica del duopolio?”

“Per tornare a crescere – conclude Santoro – l’Italia deve liberarsi del conflitto di interesse e di tutti coloro che non hanno avuto il coraggio di opporgli le ragioni della libertà di opinione e della libertà di mercato. Sulla scia del successo di Tuttiinpiedi, con l’aiuto fondamentale del pubblico, dimostreremo presto che un Paese semilibero non ci basta. Tutto cambia”.

Intanto, dopo l’annuncio dello stop alle trattative con Santoro, il titolo Ti Media scivola in borsa cedendo il 3,9% per cento a 0,21 euro.

E sul mancato arrivo di Santoro sulla rete per la quale lavorano, Gad Lerner ed Enrico Mentana si dicono “dispiaciuti” e si chiedono la ragione dell’annuncio dello stop augurandosi che la trattativa possa riprendere. Non solo – spiegano all’Ansa – perché la sua è una voce importante nel panorama della libera informazione, ma anche perché siamo convinti che una trattativa condotta più sobriamente avrebbe limitato le interferenze esterne, comunque inaccettabili, e favorito un accordo professionale basato sui principi dell’autonomia e della lealtà reciproche, già vigenti a La7. Ci chiediamo, inoltre: che bisogno c’era – dicono ancora Lerner e Mentana – di decidere e annunciare con questa fretta lo stop alla trattativa con Santoro? Ci auguriamo che si possa riprendere più serenamente il filo della trattativa nell’interesse di tutti, come suggeriscono le ragioni del libero mercato”.

Non si sono fatte attendere le reazioni politiche. ”Non sappiamo se risponde al vero la notizia dell’interruzione delle trattative tra Telecom e Michele Santoro e non sta a noi entrare nel merito. Tuttavia, se fosse vero, sarebbe quanto mai opportuno che il gruppo dirigente della Rai riconvocasse immediatamente il conduttore e la sua squadra ed accogliesse la disponibilità piu volte manifestata a rientrare perfino al costo di 1 euro”, scrivono in una nota il portavoce di Articolo21 Giuseppe Giulietti e il senatore Pd Vincenzo Vita.

Critico anche il portavoce dell’Italia dei Valori, Leoluca Orlando: ”La notizia del mancato accordo tra Santoro e La7 è la conferma che il regime berlusconiano sta vivendo gli ultimi pericolosi colpi di coda. E’ chiaro a tutti che l’editto bulgaro emanato dal presidente del Consiglio nei confronti di trasmissioni sgradite a Palazzo Chigi come ‘Annozerò non solo è ancora in vigore, ma ha ormai superato il duopolio Rai-Mediaset”.

Contro il ‘santone Santoro’ si scaglia invece il vicepresidente dei deputati del PdL, Osvaldo Napoli: ”La notizia delle trattative saltate fra Michele Santoro e Ti Media può sorprendere gli sprovveduti. Siamo in presenza della vendetta della realtà nella quale il “santone” Santoro è stato brutalmente richiamato”. “Trovare un altro editore libero come la Rai non sarà facile per Santoro – prosegue Napoli -. Una Tv che ti lascia fare il bello e il brutto non è semplice. Santoro ha sempre sostenuto di aver dato alla Rai molto di più di quanto ha ricevuto. Si chiederà ora perchè mai La7 rinuncia a tanta grazia di introiti?”