Questa opinione l’ho già espressa pubblicamente, ma la ripeto qui, adesso, perchè voglio sottolineare una cosa semplice semplice: non lo fate in mio nome.

La vergogna di uccidere i civili (con il pretesto di salvare altri civili) è oggi lampante. Chi non riesce a vederla?

So bene che risponderanno qui quelli che la vedono e se ne gloriano. So che ce ne sono tanti, e non me ne stupisco. Questi sono i complici. Ma non è a loro che chiedo. Chiedo a quelli che misero le bandiere della pace alle loro finestre, quando cominciò la guerra in Iraq.