Attivare la direttiva europea per la protezione temporanea dei rifugiati è prematuro. Lo ha ribadito oggi, dopo la secca bocciatura di ieri, il commissario europeo Cecilia Mallstrom a margine della riunione dei ministri degli Interni che si è tenuta in Lussemburgo. L’esponente della Commissione europea ha ribadito come quelle norme risalgano ai tempi del conflitto in Kosovo che riguardavano una situazione di “centinaia di migliaia di profughi. E non siamo ancora a questo punto”.

Con queste motivazioni il consiglio Ue ha bocciato la proposta italiana e maltese di attivare la direttiva 55 del 2001, così da estendere la protezione temporanea concessa dall’Italia ai migranti provenienti dal Nord Africa al resto del Continente. Condizione necessaria per fare diventare operativa la direttiva è che ci sia una fortissima pressione di migranti da paesi in conflitto. Come sostiene la Malmstrom, “la maggioranza dei paesi ritiene che la direttiva puo’ essere utilizzata, ma non ci troviamo ancora in una situazione tale da far scattare il meccanismo”

La Malmstrom ha anche enumerato le iniziative europee per fare fronte all’emergenza profughi che coinvolge il nostro paese: “Abbiamo dato assistenza, messo a disposizione stanziamenti e la missione Frontex. Inoltre ci sono i fondi strutturali che possono essere utilizzati a Lampedusa”.

Il commissario ha poi precisato che l’Italia ha tutto il diritto di concedere permessi di soggiorno temporanei, ma perché questi siano validi anche nell’Area Schengen, “devono rispettare i criteri previsti dall’Unione europea”.

Dai microfoni della radio francese Europe 1, il ministro degli Esteri italiano ha commentato il niet della Malmstrom alle richieste italiane. “Abbiamo sempre rispettato i principi dell’accordo Schengen – ha detto Frattini – E la distribuzione di permessi temporanei è assolutamente in linea con Schengen”.