Gentile redazione,
sono una blogger e poeta impegnata nell’informazione al femminile e vi invio di seguito un articolo in risposta a Peter Gomez sulla questione “articoli misogini” su Il Fatto Quotidiano.
E’ a mia firma ma è stato sottoscritto da molte persone e blogger, di cui trovate in calce all’articolo nomi e cognomi (le sottoscrizioni si trovano a commento di questo post: http://vitadastreghe.blogspot.com/2010/06/lo-sfogo-quotidiano.html). Ad ora, ho contato 99 persone oltre alla sottoscritta.
Spero vivamente che, in nome di quella libertà d’espressione che difendete, lo pubblichiate sul vostro quotidiano.
Grazie per l’attenzione,
Giorgia Vezzoli
http://vitadastreghe.blogspot.com

“Lo Sfogo Quotidiano”?

Leggo Il Fatto perché mi dice cose che sugli altri giornali non trovo, soprattutto per quanto riguarda le vicende politiche del nostro Paese. Leggo Il Fatto perché ritengo che non vi sia ingerenza da parte del potere politico ed economico e dunque presumo che i giornalisti siano liberi di dire, appunto, i fatti (non solo le opinioni, che possono essere soggettive e variabili, ma proprio i fatti) così come stanno, senza pressioni. Leggo Il Fatto perché le sue tesi non ruotano intorno ad un partito e non hanno una connotazione ideologica. Infine, leggo Il Fatto perché i suoi giornalisti parlano chiaro e non cercano di convincere, quanto piuttosto di esporre.

Ma analizzando gli articoli di Massimo Fini sulle donne in relazione ai punti di forza del giornale sopra citati, mi vedo costretta a constatare che:
– non mi dicono cose che sugli altri giornali non trovo, anzi, direi che di articoli contro il femminismo o contro le donne ne leggo già molti perché una certa mentalità di considerare la donna inferiore all’uomo in Italia è ancora pericolosamente diffusa (infatti viviamo in uno dei Paesi occidentali più arretrati per le pari opportunità)
– non raccontano fatti scomodi censurati dal potere politico ed economico, anzi manifestano un’opinione sulle donne sulla quale, semmai, si è costruito e retto per anni l’attuale establishment politico ed economico
– non so se siano liberi da ideologie politiche ma mi sembrano abbastanza in linea con una certa frangia del pensiero reazionario di destra
– sono chiari nell’esprimere un’opinione ma non nell’esporre i fatti, tant’è che Gomez su questo punto ne ha confutato il secondo con una cristallinità senza precedenti.

Che cosa c’entrano, allora, gli articoli di Fini sulle donne con Il Fatto quotidiano? Niente, mi dico. Però sul Fatto, come ci ricorda Gomez, vige la libertà d’espressione, come se il problema fosse una questione di censura e non di linea editoriale di una testata. Nessuno impedisce a Massimo Fini di esprimere in Rete la sua opinione, sebbene a mio avviso lesiva della dignità di alcune persone, ma qui non si parla della “Rete” in generale. Qui si parla di uno spazio preciso e circoscritto del Web, ovvero del sito di una testata con una sua direzione ed una sua redazione, dove gli articoli vengono scelti e dove una discriminazione, per forza di cose, è già in atto: si chiama selezione dei contenuti. Perché Il Fatto dovrebbe essere un quotidiano on line e non un “aggregatore spontaneo di post”.

Viene da chiedersi come mai, in questo senso, in nome della libertà d’espressione, non troviamo su Il Fatto articoli pro Berlusconi o discriminatori nei confronti degli immigrati, per esempio. Su questi temi, infatti, si avverte una linea editoriale precisa, per la quale sono stata fiera di leggere fino ad oggi il vostro quotidiano: Il Fatto ha deciso di schierarsi dalla parte dei “fatti”, costi quel che costi. La libertà su cui credevo si basasse questa testata non era data dall’ipotesi che chiunque potesse scrivervi qualunque cosa, come su un social network tanto per intenderci (anch’esso regolato da una serie di norme per altro), ma che chiunque fosse libero di dire la sua verità, anche scomoda, senza pressioni da parte del potere, come invece succede in tante altre testate.

Non è possibile che, quando si parla di donne, improvvisamente, essere un “bravo giornalista” costituisca condizione necessaria e sufficiente per potersi vedere pubblicato sulle pagine di un quotidiano, on o off line che sia, qualsiasi tipo di sfogo (pardon, provocazione) anche misogino.

Caro quotidiano, io non lo capisco. E ti chiedo, come donna e come lettrice, che tu prenda una posizione chiara. Se stai dalla parte dei fatti, decidi di esserlo su tutto, anche sulla questione femminile, sulla sua storia e, perché no, sulle sue contraddizioni. Ma fallo basandoti sui fatti e non sugli sfoghi personali, fedele al nome che tu stesso ti sei scelto. Perché la questione della discriminazione sessuale non è, a dispetto di come molti credono in questo Paese arretrato, un semplice tema di gossip o di costume dove chiunque può dire ciò che vuole, ma una seria ed irrisolta questione di diritti umani. Ci si può arrogare il diritto di garantire la libertà di espressione quando ancora, anche in Italia, molte donne trovano la loro strada cosparsa di ostacoli per portare il proprio pensiero in numerosi contesti e per concretizzarlo pienamente nella loro vita?

Caro Il Fatto, se davvero sei per la libertà d’espressione, dovresti innanzitutto impegnarti per creare le condizioni affinché questa possa manifestarsi per tutti schierandoti coraggiosamente per la promozione delle pari opportunità, ricordandoti che la libertà d’espressione non riguarda solo le opinioni, ma anche i comportamenti e l’esercizio dei propri diritti, che a molte donne ancora è negato.

Giorgia Vezzoli


La linea del Fatto sulle donne è chiara ed è testimoniata da decine di articoli. Ma pensiamo che il contestato pezzo di Massimo Fini – grande giornalista, grande scrittore e persona onesta con la quale in questo caso non concordiamo per nulla – si sia rivelato un’occasione preziosa per discutere di un tema importante: la condizione femminile. Un tema che in Italia viene accuratamente evitato.

Purtroppo non è vero, infatti, che le opinioni di Fini sulle donne siano un esclusivo patrimonio “di una certa frangia del pensiero reazionario di destra”. Sono invece trasversali a una parte importante e numerosa del mondo maschile. E, come dimostra la  cronaca politica, non sono nemmeno estranee , come dovrebbero, a tutte le donne. Solo che a differenza del razzismo che viene ormai apertamente sbandierato da alcuni partiti, queste cose vengono pensate, praticate e teorizzate, ma non vengono dette. Anche per questo si discute così poco della questione.

Massimo Fini è insomma “politicamente scorretto”. Ma vale sempre la pena di leggerlo per ribellarsi e dirgli fatti alla mano che ha sbagliato.
Nelle prossime settimane, come è in programma da tempo, apriremo un blog  dedicato  alla battaglia per la dignità femminile e per il rispetto dei generi. Sarà uno dei molti blog che intendiamo creare per dare una visione d’insieme della politica, dell’economia e della società italiana. Tutte questioni in cui le donne giocano un ruolo centrale, ma dalle quali vengono troppo spesso escluse.

p.g.

Massimo Fini, “Due al prezzo di uno”

Peter Gomez, “Uomini e donne: una questione di democrazia”