» Politica
martedì 07/11/2017

Zingaretti indagato: “Falso testimone su Mafia Capitale”

I pm decideranno se archiviare i sospetti dei giudici. Il Tribunale: “Calunnia per il collaboratore Grilli”
Zingaretti indagato: “Falso testimone su Mafia Capitale”

Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti è indagato dai pm di Roma dopo che la X sezione penale del Tribunale – che ha condannato Massimo Carminati e Salvatore Buzzi (per associazione a delinquere semplice, non per mafia) – ha inviato alla Procura i verbali resi da alcuni soggetti chiamati a testimoniare durante il processo. La notizia della trasmissione degli atti è di venerdì scorso, ma oggi Il Fatto è in grado di confermare che è avvenuta l’iscrizione nel registro degli indagati del presidente della Regione Lazio. Non è la prima volta che l’inchiesta Mafia Capitale rappresenta una grana per Zingaretti, sempre estraneo alle vicende legate all’indagine madre.

Dopo le dichiarazioni di Salvatore Buzzi, il governatore infatti era stato iscritto per concorso in turbativa d’asta in relazione alla gara per il servizio Cup (centro unico prenotazioni sanitarie) istituita nel 2014 dalla Regione Lazio. Vicenda archiviata. Adesso Zingaretti però rischia di vedere aprirsi un altro capitolo. I giudici della X sezione del Tribunale hanno chiesto ai pm capitolini di indagare su quanto ha detto in aula. Non c’è alcuna certezza, ma solo il sospetto “di una testimonianza falsa o reticente di Zingaretti”. Che nei giorni scorsi si è detto “assolutamente sereno sui fatti, ma amareggiato. Ho fatto della difesa della legalità la mia ragione di vita”. Se i sospetti dei giudici sono fondati lo stabilirà la Procura di Roma che potrà decidere di archiviare la sua posizione. Come quella di altri finiti nella lista trasmessa dal Tribunale ai pm.

Tra i 27 nomi c’è anche Micaela Campana, responsabile nazionale welfare del Pd. Nelle motivazioni della sentenza che ha escluso la mafia, i giudici scrivono: “Conclusivamente si sospetta di reticenza e/o falsità la testimonianza resa da Campana Micaela in relazione ai suoi numerosi ‘non ricordo’, spesso del tutto inverosimili in quanto apodittici e non meglio motivati e contrastanti con il contenuto chiaro delle intercettazioni telefoniche attinenti ad argomenti importanti nella vita politica o personale della donna”.

Per il tribunale – così è scritto nell’atto del 17 ottobre – sono anche “emersi elementi di reità in ordine al reato di calunnia per il teste assistito Roberto Grilli”, ossia il collaboratore di giustizia che sentito in aula non ha confermato alcune accuse fatte all’ex Nar Massimo Carminati davanti ai pm: “Sono dichiarazioni orchestrate – aveva detto Grilli in aula – e organizzate dal mio avvocato per ottenere la protezione. (…) Ho dato retta a quel legale…”. Il giorno della sua testimonianza, i pm a sorpresa hanno depositato la trascrizione di un audio registrato durante un incontro tra Grilli e il capitano del Ros, Antonio Corvino, che era andato a consegnargli l’atto di citazione per la testimonianza: “Capitano… – diceva – il mio profilo basso fino adesso mi ha garantito di stare in vita a Roma… Adesso, dopo questa cosa, non so’ più garantito con nulla (…) durerò due settimane”.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Mise: “Così salta tutto”

Fiom rompe il fronte sindacale e occupa l’Ilva di Genova

La Fiom genovese si è mossa a difesa dell’accordo di programma firmato nel 2005, e a Genova ha occupato lo stabilimento di Cornigliano rompendo così il fronte sindacale. La decisione dopo un’assemblea in cui Uilm e Fim Cisl hanno detto no a ulteriori forme di lotta, mentre è stata riavviata la trattativa su tagli e salari tra Governo e ArceloMittal (che ha rilevato il gruppo a marzo). L’accordo di programma, firmato nel 2005, prevede che a fronte della chiusura dell’attività a caldo dello stabilimento vengano garantiti salari e livelli occupazioni (1650 posti). Ma Mittal ha annunciato per Cornigliano 600 esuberi. La posizione della Fiom è chiara: nessun tavolo separato, convocazione al Mise prima possibile e “se viene annunciato anche un solo esubero l’accordo di programma deve essere ricalibrato con tutti i soggetti”. E così lo stabilimento è stato occupato. Il Ministero dello Sviluppo con una nota si è detto “stupito” e “sconcertato” che la Fiom “promuova, fuori dalle regole, l’interruzione delle attività mentre il confronto fra le parti si è finalmente avviato. Rischia di mettere a repentaglio la trattativa per tutta l’Ilva”. Lo stop arriva solo con una convocazione per Genova, ha risposto la Fiom di Genova.

Politica

In tv da Mentana manca solo Lombroso

Politica

Casa Pound al 9% a Ostia. Ora punta al Parlamento

Come si svuota il Comitato
Politica
La riforma gialloverde

Come si svuota il Comitato

La sinistra e la sindrome da microrganismo
Politica
Déjà vu

La sinistra e la sindrome da microrganismo

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×