Ventisette testimoni del processo al Mondo di Mezzo rischiano la falsa testimonianza. I giudici della X sezione penale del tribunale capitolino, che il 20 luglio hanno emesso condanne per oltre 250 anni, hanno chiesto alla Procura di Roma di vagliare i loro verbali di udienza, inviati il 16 ottobre. Tra i nomi sui quali i giudici sollecitano di valutare una eventuale iscrizione nel registro degli indagati anche quelli del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, dell’ex viceministro Filippo Bubbico, del responsabile Pd nazionale del Welfare Micaela Campana, del presidente del consiglio regionale del Lazio, Daniele Leodori, dell’ex braccio destro di Alemanno, Antonio Lucarelli e del dirigente della Regione Lazio, Elisabetta Longo.

“Sono assolutamente sereno sui fatti, ma francamente scosso e amareggiato per quanto affermato dai giudici della X Sezione del tribunale di Roma – ha dichiarato Zingaretti – nella mia testimonianza ho riportato atti e conoscenze relative ad avvenimenti per i quali sono stato sotto indagine per oltre un anno. Ora attendo nuovamente le decisioni che la Procura di Roma riterrà di assumere”. In riferimento all’audizione del governatore, sentito su richiesta della difesa di Salvatore Buzzi il 21 marzo, i giudici nelle motivazioni della sentenza, depositate nelle scorse settimane, scrivono che “diede il sospetto” di essere “falsa e reticente”. Il presidente della Regione parlò, in particolare, dell’appalto Cup (centrale unica di prenotazioni delle prestazioni sanitarie), per il quale Zingaretti è stato indagato per corruzione e turbativa d’asta e poi archiviato, affermando di “non avere incontrato nessuno, che fosse del centrodestra o del centrosinistra”.

L’ex viceministro Bubbico venne ascoltato nell’udienza del 22 giugno 2016. Nell’aula bunker, l’allora numero due del Viminale, affermò di “non conoscere Buzzi” e di “non averlo mai incontrato. Incrocio tante persone ma il suo nome l’ho appurato solo leggendo i giornali dell’indagine sulla mafia a Roma”. L’ex viceministro dichiarò, inoltre, “di non avere mai conosciuto Luca Odevaine“, tra gli imputati del maxiprocesso. “Non ho mai conosciuto queste persone, nè ho ricevuto pressioni”, concluse Bubbico.

La deputata dem Micaela Campana invece, ex moglie di uno degli imputati, Daniele Ozzimo, già assessore della giunta Marino, in aula negò una serie di circostanze emerse, soprattutto, nelle intercettazioni telefoniche. Come ad esempio quella di un’interrogazione parlamentare suggerita da Salvatore Buzzi ma mai presentata dalla deputata. Durante la deposizione in aula la parlamentare del Pd usò l’espressione “non ricordo” per 39 volte e la giudice le ricordò più volte che aveva l’obbligo di dire la verità essendo lì come testimone. Già nei giorni seguenti, la procura di Roma aveva lasciato trapelare il giudizio sulle parole della Campana contraddistinte “da una serie di bugie e reticenze – dissero da piazzale Clodio – smentite dal contenuto degli atti processuali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, inchiesta-bis sul crollo Torre Piloti: chiesto il processo per 18 persone e società. Pm: “Costruita senza protezioni”

next
Articolo Successivo

Stupro Roma, la telefonata alla madre di una vittima. Il gip: “Minacce di morte alle quattordicenni”

next