";
» Cronaca
martedì 15/05/2018

Sorrento, stupro di gruppo in albergo: “Violentata dai dipendenti”

Meta (Napoli) - Una turista inglese di 50 anni stordita con le benzodiazepine. In cella cinque lavoratori dell’hotel: “L’abuso è stato filmato e condiviso”
Sorrento, stupro di gruppo in albergo: “Violentata dai dipendenti”

“Mi sembrava di essermi staccata dal corpo, di essere spettatrice di quel che mi stava accadendo”. È l’effetto delle z-drugs, le droghe dello stupro. La signora inglese di circa 50 anni seduta davanti al pm di Torre Annunziata Mariangela Magariello è tornata apposta dalla Gran Bretagna. Vuole, deve raccontare la terribile esperienza di cui è stata vittima mentre era in vacanza. Risale all’ottobre 2016 ed è avvenuta in un hotel del lungomare di Meta, in Costiera sorrentina.

La donna spiega al magistrato i dettagli di uno stupro di gruppo consumato in albergo. Una decina di uomini avrebbero abusato di lei in tutti i modi nella stanza di servizio dei dipendenti. Avrebbero anche filmato i rapporti sessuali, e nei giorni successivi si sarebbero scambiati le immagini sulla chat di Whatsapp ‘Cattive Abitudini’, vantandosi dell’impresa di essersi “fatti una milf”.

La signora era caduta nella trappola insieme alla figlia accettando da due barman un drink in cui avevano sciolto la sostanza. La ragazza è corsa in bagno a vomitare, il suo organismo non ha retto le benzodiazepine. Il branco non l’ha cercata, per concentrarsi invece sulla madre, che gli inquirenti ricordano come una bella donna, alta, bionda. Le violenze di un sesso senza consenso sarebbero iniziate in piscina, protagonisti i due barman, che poi avrebbero consegnato la donna a un altro dipendente che l’ha condotta nel chiuso della stanza: “Lì dentro erano una decina, forse di più”.

Ieri i poliziotti della Squadra Mobile di Napoli e del commissariato di Sorrento hanno eseguito cinque arresti. Sono finiti in carcere Antonino Miniero, Gennaro Davide Gargiulo, Fabio De Virgilio, Raffaele Regio e Francesco Ciro D’Antonio, i cinque del branco che le indagini hanno consentito di identificare con certezza. Quattro hanno età comprese tra i 23 e i 25 anni, solo uno ha 34 anni: giovani uomini con la passione per le donne più grandi, le ‘milf’, cosa che emerge dalla lettura delle chat scaricate dai cellulari sequestrati durante l’inchiesta, dove si scambiano commenti su foto e video dell’orgia violenta che però non ci sono (a parte una foto poco chiara). Forse sono stati cancellati da remoto dopo i sequestri, ci sono altre indagini sul punto. Uno degli arrestati è stato tradito da un tatuaggio sul collo, la signora lo ricordava, altri due dalla foto dei barman che la donna ha scattato quando era lucida, la sua memoria è precisa ma non precisissima, avrebbe scambiato un dipendente per un altro, indicando uno che ci assomiglia ma che quella sera non era in servizio.

La Procura continua il lavoro per identificare il branco nella sua interezza. Gli arrestati sono tutti dipendenti o ex dipendenti dell’hotel, i cui dirigenti sono estranei alle accuse. Le indagini sarebbero state più veloci se la signora avesse denunciato immediatamente e in Italia, per un caso analogo del 2015 in una discoteca di Sorrento, le manette scattarono dopo un mese.

Ma stavolta la violenza era avvenuta la notte prima della partenza della turista. Lei rivelò l’accaduto al tour operator che le suggerì di rivolgersi al consolato, che a sua volta le consigliò di tornare in patria e denunciare lì. La signora ha così sporto denuncia alla polizia del Kent. I sanitari del luogo hanno constatato i lividi, le ecchimosi, hanno eseguito i prelievi biologici.

Qui in Italia sono state fatte le stesse operazioni sugli indagati. Si è così accertato che il Dna di tre dei cinque arrestati è lo stesso delle tracce lasciate sulla vittima. E un esame tossicologico del capello della donna ha consentito di rilevare un picco di consumo di z-drugs nel periodo dello stupro. Uno degli avvocati sottolinea che la signora avrebbe stipulato una polizza antiviolenza. Fu detta la stessa cosa anche per le studentesse americane vittime del presunto stupro dei carabinieri di Firenze, licenziati pochi giorni fa. Ma si tratterebbe di prassi dei tour operator e poi “i riscontri alla denuncia della cittadina britannica sono ampi e incontrovertibili” dice il procuratore Alessandro Pennasilico. Una storia orribile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
La veglia ecumenica

Palermo, l’arcivescovo Corrado Lorefice contro l’omofobia

Sarà l’arcivescovo di Palermo, monsignor Corrado Lorefice, ad aprire la dodicesima veglia ecumenica per il superamento dell’omofobia. Per la prima volta nella storia di questa manifestazione che è giunta alla dodicesima tappa, sarà la più alta carica della Curia a partecipare all’iniziativa prevista per giovedì prossimo alle 19.

“Incondizionato rispetto dovuto ad ogni persona e denuncia di ogni forma di discriminazione ed emarginazione. Deploriamo con fermezza che le persone omosessuali siano state e siano ancora oggetto di espressioni malevole e di azioni violente”, ha scritto Lorefice nella preghiera che verrà recitata in piazza Politeama.

Un’invocazione che è stata inviata dall’Ufficio pastorale per la famiglia anche a tutti i preti della diocesi invitandoli a leggerla durante le celebrazioni eucaristiche di sabato e domenica scorsa.

Giovedì la veglia inizierà in piazza Politeama per proseguire con una fiaccolata che si concluderà nella parrocchia di “Santa Lucia al Borgo”.

Commenti

Calderoli il meglio della Lega? Non è una buona notizia

Cronaca

Fermo, crolla il soffitto in una scuola

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×