Senza ombra né speranza. Duemila fantasmi a Tajoura

Tripoli - Uomini, donne e bambini stipati nel centro di detenzione: 40 gradi, neanche una bava di vento. Non bastano Ong locali e Unhcr
Senza ombra né speranza. Duemila fantasmi a Tajoura

Zakaryia ha meno di tre mesi e sguazza dentro una bacinella rossa riempita per metà. Sua sorella gli getta addosso dell’acqua da un secchiello e lui se la ride. Il peggio per lui deve arrivare. Lo ha capito pure sua madre, pronta a sostenerlo nel bagnetto mattutino: “Ci aiuti” chiede la donna, una giovane ragazza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.