» Cronaca
martedì 06/03/2018

Firenze, senegalese ucciso aveva adottato la figlia di un connazionale ucciso da un estremista di destra

Fermato 65enne: “Volevo suicidarmi, poi ho sparato al primo che ho incontrato”. Corteo degli ambulanti, tensione e danni
C’è una ragazza appena 18enne a Mont Rolland, un villaggio contadino nel Senegal, che per la seconda volta piange il padre. Nel 2011 ha perso il padre naturale, ieri mattina il padre adottivo. Tutti e due li hanno ammazzati a pistolettate, a Firenze. Sempre da un italiano. “Ci eravamo andati nel 2011 a Mont Rolland, portammo al centro del villaggio i corpi di Samb e Diop – racconta Mamadou Sall, portavoce dei senegalesi di Firenze –. Spiegammo ai vecchi e  ai bambini che gli italiani, i fiorentini, non sono tutti fascisti e razzisti. Ora chi ci andrà? Cosa diremo?”. Nel 2011  un fascista, Gianluca Casseri, sparò  a Samb Modou e Diop Mor e poi si suicidò. Ieri a quanto pare è stato un uomo di 65 anni che ha perso il lume della ragione.

Stavolta il razzismo non c’entra, così dicono la polizia e il procuratore della Repubblica. Però non basta a rassicurare i senegalesi di Firenze, comunità storica e strutturata che ieri mattina, poco prima di mezzogiorno, ha visto un altro dei suoi cadere sotto una serie di colpi di pistola, sparati da un fiorentino 65enne sul centrale ponte Vespucci. Come il 13 dicembre 2011 in piazza Dalmazia: due morti ammazzati e il suicidio dell’aggressore, un estremista di destra vicino a CasaPound che, naturalmente, prese subito le distanze.

Ieri la stessa sorte è toccata a Idy Diene, 54 anni, ambulante senegalese che viveva da anni in Italia con regolare permesso di soggiorno. Era un cugino di Samb, ucciso a 40 anni nel 2011. Veniva come lui da Mont Rolland, il villaggio che porta lo stesso nome del Santuario del Jura da cui erano partiti i monaci francesi che lo fondarono nell’800. Dopo la morte di Samb si era preso cura di sua figlia, l’ha adottata e con i soldi guadagnati in Italia l’ha fatta studiare. Qualche mese fa ha sposato sua madre, la vedova di Samb, che dopo anni ha ottenuto la cittadinanza e vive a Firenze. La ragazza li avrebbe raggiunti presto, raccontano gli amici. E invece anche Idy è stato ucciso: almeno due proiettili, uno alla testa e uno al torace, mentre altri non sarebbero andati a segno. I testimoni raccontano un’esecuzione: i primi colpi, una pausa e poi gli altri.

L’omicida, Roberto Pirrone, è stato fermato poco dopo da militari della Folgore dell’operazione Strade sicure e consegnato alla polizia, che peraltro lo stava già cercando perché sua figlia aveva dato l’allarme: “Mio padre è uscito con la pistola, dice che vuole uccidersi”. Una lettera lo conferma: quest’uomo, un ex tipografo incensurato, era in gravi difficoltà economiche e non sapeva come uscirne. Pirrone avrebbe spiegato alla polizia proprio questo: “Volevo suicidarmi ma poi non ho avuto il coraggio e ho sparato al primo adulto che ho incontrato”.

Il procuratore di Firenze Giuseppe Creazzo, dopo l’interrogatorio condotto dal pm Giuseppe Ledda, gli crede. E aggiunge che Pirrone avrebbe anche evitato di fare fuoco su una mamma e i suoi bambini. Il procuratore esclude fini “razzisti” e sottolinea che “non sono emersi suoi legami con gruppi politici, tantomeno di destra o razzisti. Era un collezionista di armi – ha detto ancora Creazzo – e in casa sono stati trovati anche alcuni cimeli dell’ex Unione Sovietica”. A casa, in un alloggio popolare in cui Pirrone abita con la moglie e la figlia, la polizia ha sequestrato due pistole regolarmente denunciate e due fucili.

Sul ponte Vespucci Pirrone ha sparato con una Beretta semiautomatica, anche quella regolarmente detenuta per uso sportivo. Uso sportivo come Luca Traini, il fascioleghista che il 3 febbraio scorso a Macerata ha sparato, ferendoli, a sei immigrati africani perché aveva deciso di vendicare la 18enne Pamela Mastropietro uccisa e seviziata da un nigeriano. Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha dichiarato che ci vorrebbe “una stretta sui porto d’armi”. Al pm Pirrone ha confermato quanto detto in mattinata alla polizia, cioè che voleva suicidarsi. “Poi ci ha ripensato ma non voleva tornare a casa, preferiva andare in galera – ha ricostruito il procuratore Creazzo –. I problemi economici continuavano ad assillarlo, quei 30 mila euro di debiti erano motivo di continui litigi anche con la moglie”.

Ma tutto questo non ha tranquillizzato i senegalesi di Firenze, che hanno improvvisato un blocco stradale, poi un corteo fino a Palazzo Vecchio. Con la paura si è scatenata la rabbia: rovesciati alcuni vasi, divelti arredi urbani, caos e paura sotto la pioggia anche per i fiorentini e i turisti. L’imam di Firenze, Izzedin Elzir, segretario dell’Unione delle comunità islamiche italiane e figura di spicco dell’Islam nel nostro Paese, ha invitato tutti alla calma ma dice anche: “Ecco cosa succede dopo due mesi di campagna elettorale sull’odio contro gli stranieri e contro gli altri”. Il sindaco di Firenze Dario Nardella ha detto che “i danni alla città sono inaccettabili”. Ma la tensione resta altissima perché nessuno ha dimenticato il 13 dicembre 2011 e l’uccisione di Samb Diop Mor, 40 e 54 anni. Anche Gianluca Casseri, il fascista che li uccise, aveva un porto d’armi per uso sportivo.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Si cercano i responsabili

Padova, bruciata la porta della moschea durante lo spoglio

Era in corso lo spoglio delle Politiche quando ieri notte a Padova uno sconosciuto ha appiccato il fuoco al portone d’ingresso del centro di preghiera islamico di via Turazza. Difficile dire se dietro al gesto, certamente doloso, si nasconda una matrice “politica”, ma la coincidenza con la nottata elettorale non viene sottovalutata dagli investigatori. Le fiamme, appiccate con una scatola di cartone e benzina, hanno causato solo lievi danni all’ingresso della moschea “al Hikma” (La saggezza), gestita dall’omonima associazione culturale islamica. Ad accorgersi del piccolo rogo, verso le 2, è stata una pattuglia dei carabinieri in perlustrazione, che ha così consentito di spegnere subito il fuoco. È accertato che si è trattato di un atto doloso, dato che sulla soglia annerita sono state trovate tracce di un liquido accelerante, probabilmente benzina. Un attentato preparato già il giorno precedente, sabato, dato che domenica alcuni passanti hanno notato davanti al portone – senza dare l’allarme – uno scatolone pieno di carta con odore di benzina. Le telecamere di sicurezza poi hanno immortalato un uomo incappucciato che, accesa una sigaretta, butta un fiammifero verso la porta del centro islamico.

Mondo

Pell e gli abusi sessuali: un mese per decidere se fargli il processo

Cronaca

La Procura apre un’indagine: oggi l’autopsia su Astori

Mozzarelle con sorpresa: aghi da cucito nel latticino
Cronaca
Firenze - Lotto ritirato dal commercio

Mozzarelle con sorpresa: aghi da cucito nel latticino

di
Economia aziendale, la cattedra è a bilancio da due anni, ma il posto è ancora vacante
Cronaca
Pisa - Università senza il corso previsto

Economia aziendale, la cattedra è a bilancio da due anni, ma il posto è ancora vacante

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×