";
» Economia
giovedì 08/02/2018

Roma, la multiutility comunale Acea straccia il Jobs act. Confindustria: “Tradimento”

I sindacati e l'azienda partecipata dal Campidoglio firmano un contratto aziendale che prevede “per tutto il personale e per coloro che saranno assunti in futuro le tutele previste dall’articolo 18". Potranno essere reintegrati dal giudice in caso di licenziamento illegittimo

La rabbia è quella tipica che si mostra verso gli ingrati. Un colosso aderente a Confindustria ha deciso di ignorare una delle sue più riuscite creature: il Jobs act. E così ieri il vicepresidente degli industriali italiani, Maurizio Stirpe, ha tuonato contro Acea, la multiutility controllata dal Comune di Roma, minacciando di metterla alla porta. La colpa è di aver siglato un contratto aziendale con i sindacati che di fatto deroga alle tre grandi novità introdotte alla riforma del lavoro varata dal governo Renzi: licenziamento per giusta causa, demansionamento e controllo a distanza dei lavoratori. “Un accordo proditorio dei principi della correttezza e lealtà dei rapporti”, ha attaccato Stirpe. Insomma, un tradimento che “coglie di sorpresa” gli industriali, non informati dai vertici dell’azienda nominati ad aprile 2017 dalla giunta 5Stelle.

L’intesa, che prevede premi di risultato e norme sul welfare aziendale stabilisce “per tutto il personale e per coloro che saranno assunti in futuro, le tutele previste dall’articolo 18 della legge 300, così come modificato dalla legge Fornero del 2012”. Significa che potranno essere reintegrati dal giudice in caso di licenziamento illegittimo (il Jobs act concede solo un indennizzo). Affida poi le decisioni su eventuali demansionamenti dei lavoratori a un accordo che l’azienda dovrà trovare con i sindacati. Stesso discorso per “l’introduzione di sistemi di controllo della prestazione a distanza” per i quali invece il Jobs act (se considerati strumenti di lavoro) ha eliminato l’obbligo di intesa con le sigle.

La rabbia di Stirpe ha una sua logica. A maggio 2014, Confindustria suggerì, per così dire, i contenuti della riforma nel documento “Proposte per il mercato del lavoro e della contrattazione”, che fu ricopiato in molte parti dai decreti attuativi del Jobs act. “Lo ritengo un grave incidente di percorso – ha detto il vicepresidente con delega alle relazioni industriali -. Non è escluso che questo comportamento dell’azienda non venga portato all’attenzione del collegio dei probiviri”. Comportamento che per Stirpe si spiega con “la natura giuridica di Acea che ha un comune come azionista”, cosa che rende l’accordo, agli occhi degli industriali, “assolutamente una ingerenza indebita della politica”.

Le regole confindustriali prevedono che Unindustria Lazio – a cui Acea aderisce – potrà espellere l’azienda (eventualità che necessita di “gravi motivi”): secondo quanto fa trapelare Viale dell’Astronomia questa sarebbe l’intenzione (ma decide Unindustria). “Prendiamo atto che in Confindustria vige il pensiero unico”, spiega ironico il segretario della Filctem Cgil, Emilio Miceli. L’intesa di ieri non è l’unico precedente, ma preoccupa Confindustria per le sue dimensioni, visto che Acea ha oltre cinquemila dipendenti. “L’azienda ha dimostrato coraggio, ma non è la sola che si sta muovendo in questa direzione” ha spiegato la leader della Cgil, Susanna Camusso. A marzo scorso le sigle dei metalmeccanici hanno sottoscritto per Ducati e Lamborghini un accordo che smonta il Jobs act sugli stessi punti toccati dall’intesa di ieri. A maggio 2015 la Trelleborg di Tivoli ha assunto 70 persone con la garanzia dell’articolo 18. Anche in quell’occasione Stirpe minacciò sfracelli (“così va fuori dalla nostra associazione”) chiedendo addirittura l’intervento del governo: “Sancisca in maniera decisiva l’indisponibilità a livello contrattuale della normativa sui licenziamenti”.

Da tempo la Cgil, cerca di archiviare il Jobs act almeno negli accordi di secondo livello. Quello di ieri è il risultato più forte della strategia, centrato anche grazie a concessioni di peso: flessibilità su turni e orari, ma anche un sotto-inquadramento per i primi tre anni per i neoassunti (over 29, per gli under c’è l’apprendistato). A novembre scorso Acea ha varato un ambizioso piano industriale al 2022. Per centrarlo ha siglato un accordo sindacale che considera “fondato su innovativi criteri di organizzazione, con effetti qualificanti per i lavoratori”. E forse per questo verrà cacciata dall’associazione degli industriali.

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Economia
500 licenziamenti

Il Papa agli operai Whirlpool: “Lottate per il vostro lavoro”

Una delegazione di lavoratori della Embraco di Riva di Chieri (Torino), azienda del gruppo Whirlpool, ha incontrato il Papa in Vaticano. Francesco, prima dell’udienza generale nell’aula Paolo VI, si è fermato a parlare con i lavoratori e li ha esortati a continuare nella lotta a difesa dei loro posti di lavoro. “Il Papa ci ha detto: ‘Dovete lottare e dovete avere fede anche nella lotta. Prego per voì’”, hanno riferito i presenti. I lavoratori hanno ricordato al Pontefice che sua nonna era originaria di Portacomaro, nell’Astigiano, ad alcune decine di km dallo stabilimento di Riva di Chieri. Oggi il ministro dello Sviluppo, Carlo Calenda, incontrerà azienda e sindacati in Prefettura a Torino. L’Embraco ha annunciato la chiusura dello stabilimento torinese e 500 licenziamenti. A manifestare al Papa i problemi dei lavoratori dell’azienda che produce componenti per elettrodomestici, sono stati quattro rappresentanti sindacali. Al Pontefice si è voluta esprimere l’angoscia per la perdita del lavoro: “Al dramma economico si somma quello umano”, hanno detto i lavoratori. Al Papa, nei giorni scorsi, era arrivata una lettera scritta da una bambina a nome di tutti i figli degli operai.

Politica

5Stelle, caos per i rimborsi della Belotti

Economia

Como, esplode un silos: 9 feriti, 3 gravi. Paura per la nube

Economia
Marina Berlusconi

“Il bretone come Attila”

Il “boa della finanza” col vizio della querela
Economia
Il personaggio

Il “boa della finanza” col vizio della querela

di
Mazzette in Togo e Guinea, fermato Vincent Bolloré
Economia
L’inchiesta

Mazzette in Togo e Guinea, fermato Vincent Bolloré

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×