» Economia
venerdì 24/11/2017

Milano, ecco il progetto per il post-Expo: polo tech, verde e università in gestione agli australiani

Il masterplan - Gli australiani di Lend Lease gestiranno in concessione per 99 anni lo sviluppo dell’area, in cambio di 671 milioni ad Arexpo

Tra qualche giorno ci sarà l’annuncio ufficiale di che cosa sarà fatto sull’area Expo. Gli australiani di Lend Lease il 9 novembre hanno vinto la gara con una proposta di masterplan che, secondo quanto il Fatto Quotidiano può anticipare, concentra il parco al centro della grande area, in un’unica spina verde che sostituisce e amplia il “decumano”, la grande strada su cui si affacciavano i padiglioni di Expo. Il parco dividerà le aree pubbliche, a nord della zona verde, dalle aree private, a sud. Quattro gli insediamenti pubblici. Il campus dell’Università Statale di Milano, che trasferirà qui, a est dell’Albero della Vita, le sue facoltà scientifiche che ora sono nelle vecchie sedi di Città Studi. Human Technopole, il centro di ricerca su genoma e big data, che occuperà Palazzo Italia e la parte a ovest dell’Albero della Vita. La Cascina Triulza resterà come casa delle associazioni del volontariato, oltre a ospitare la sede di Arexpo, la società pubblica proprietaria delle aree che ora svilupperà l’operazione immobiliare insieme a Lend Lease. Infine, contiguo alla Triulza, sorgerà il nuovo ospedale Galeazzi.

Gli edifici. Sotto la spina verde saranno concentrati gli interventi privati, sviluppati da Lend Lease o direttamente da Arexpo. Soprattutto terziario (200 mila metri quadrati), ma terziario di qualità, almeno secondo le promesse degli sviluppatori: hanno già presentato manifestazioni d’interesse grandi aziende come Novartis, Bayer, Glaxo, Bosch, Abb, Celgene, Ibm Watson. Poca residenza, 24 mila mq, a cui si aggiungono 9 mila mq di “senior living”, cioè residenze di altissimo livello, e 30 mila di social housing, ossia case a prezzo calmierato. Ben 54 mila mq saranno residenze per studenti, in prossimità del campus universitario, 16 mila saranno spazi commerciali, ma senza grande distribuzione, e 7 mila mq per hotel.

In totale, sono 480 mila i metri quadrati di costruito proposti dal progetto Lend Lease, che diventeranno 510 mila con i 30 mila di social housing. Il parco nel progetto occupa 460 mila metri quadrati, 20 mila più di quanto era obbligatorio, ed è uno spazio unitario e continuo, non spezzettato, come si temeva, in tanti “giardini condominiali”.

Human Technopole occuperà 35 mila mq: Palazzo Italia appositamente ristrutturato, i padiglioni ex Expo del “cardo”, la stecca ex Expo che si affaccia sulla piazza dell’Albero della Vita, più due fabbricati nuovi per i laboratori, uno di 18 mila mq e l’altro di 2 mila. Il campus della Statale per 18 mila studenti impegnerà 98 mila mq di cui 42 mila di costruito, mentre su 50 mila mq cresceranno i sedici piani del nuovo ospedale Galeazzi.

I soldi. La società Arexpo (39% ministero dell’Economia, 21% Regione Lombardia, 21% Comune di Milano, 16% Fondazione Fiera Milano), che ha comprato da privati i terreni dove si è svolto Expo 2015, nel 2018 avrà 200 milioni di debito. Conta di rientrare in dieci anni. Con i 671 milioni che saranno via via versati da Lend Lease, che avrà la concessione per 99 anni per “valorizzare” almeno 250 mila mq. Altri 230 mila mq saranno “valorizzati” direttamente da Arexpo, che conta di ricavarci 130 milioni, vendendoli a Lend Lease o direttamente a privati. Arexpo incasserà poi 25 milioni dal Galeazzi, per i 50 mila mq venduti per l’ospedale. Altri 140 milioni potrebbero arrivare in dieci anni dagli oneri di urbanizzazione dell’area.

I tempi. L’attuale proposta di masterplan di Lend Lease diventerà masterplan definitivo entro il giugno 2018, quando sarà approvato dall’assemblea degli azionisti di Arexpo. Entro la fine del 2018 dovrà essere approvato dai Comuni di Milano e di Rho lo strumento urbanistico (il Programma integrato d’intervento). Poi si apriranno i cantieri. Intanto però partiranno almeno il Galeazzi (cantiere nella primavera 2018) e Human Technopole: 22 dicembre 2017 consegna di Palazzo Italia ristrutturato, gennaio 2018 arrivo dei primi 40 addetti e ricercatori, che diventeranno 400 a fine 2018. Tutti gli edifici per il polo tecnologico saranno consegnati a fine 2021 ed entreranno a regime, con 1500 addetti, nel 2024.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Economia
Dopo il no de Parlamento

Crediti deteriorati: il Consiglio Ue boccia la stretta della Bce

Dovrebbe arrivare una nuova bocciatura per l’Addendum sugli Npl, i crediti deteriorati delle banche, proposto dalla responsabile della vigilanza della Bce Daniele Nouy: stavolta a mettere in discussione la legittimità dell’intervento rispetto alle competenze della vigilanza, secondo quanto appreso e comunicato ieri dall’Ansa, è un parere redatto dal servizio giuridico del Consiglio Ue. In base a questo parere, le regole attuali “impediscono” alla Bce di adottare strumenti normativi. Il documento sarà presentato il 27 novembre al Comitato economico e finanziario Ue. La contestazione riguarda l’addendum alle linee guida della Bce sulla gestione dei crediti deteriorati, che obbligherebbe le banche a nuovi accantonamenti prudenziali. Una prima cauta apertura alla modifiche era arrivata dalla stessa Nouy il 9 novembre. Lunedì scorso a intervenire sulla questione era poi stato il presidente della Bce Mario Draghi, sottolineando la necessità di risolvere il problema dei crediti deteriorati intervenendo anche sullo stock ma allo stesso tempo evidenziando il bisogno di evitare gli “effetti destabilizzanti”. Ora si potrebbe dover individuare un percorso diverso.

Economia

Antonveneta, le fragilità che Draghi non svelò a Mps

Economia

Interinali Amazon, sciopero e paura

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×