“Ma quali cene, la sinistra deve tornare a parlare con i poveri”

L’inventore di Slow Food: “Tutte le avventure politiche hanno avuto un momento in cui ogni cosa finiva a tavola”
“Ma quali cene, la sinistra deve tornare a parlare con i poveri”

Carlin Petrini vuol parlare del mondo (nel suo piccolo, “Terra Madre – Il Salone del Gusto”, la creatura globale di Slow Food al via – da oggi e sino a domenica – a Torino), ma per farlo parte dall’Italia e da uno spicchio della sua storia più recente. “Già, gli anni tra il 1955 e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.