La Procura scrive ai tedeschi “Arrestate i capi di Thyssen”

Dieci anni fa i 7 morti, nel 2016 le condanne definitive dai manager. Ma Berlino non li tocca
La Procura scrive ai tedeschi “Arrestate i capi di Thyssen”

La Procura generale di Torino non molla il caso ThyssenKrupp e attacca gli inspiegabili ritardi della Germania. A dieci anni dall’incendio e dopo ben cinque processi e una sentenza definitiva, i magistrati di Essen non hanno ancora deciso se arrestare Harald Espenhahn e Gerald Priegnitz, manager condannati per l’omicidio colposo di sette operai morti dopo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.