La droga di Hezbollah passava sotto il naso “chiuso” di Obama

Jihad & coca - Il presidente Usa, pur di non compromettere l’accordo nucleare con l’Iran, si sarebbe distratto sui traffici delle milizie sciite
La droga di Hezbollah passava sotto il naso “chiuso” di Obama

Il voto dell’Onu contro la decisione di Trump di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele è stato applaudito da tutto il mondo islamico. Ma a ritenersi i vincitori morali di questa disputa planetaria sono soprattutto i musulmani sciiti, sempre più forti nell’attuale sanguinoso riassetto degli equilibri geopolitici in corso in Medio Oriente. L’Iran, potenza guida degli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.