» Politica
martedì 15/05/2018

Governo M5s-Lega, il vero scontro è su vincoli Ue, grandi opere e futuro di Ilva

Programma - Il M5S vorrebbe rinviare al futuro le discussioni sul deficit. Ma la Lega: senza addio al Fiscal compact quel contratto è “un libro dei sogni” E tra poco l’Ue vuole 5 miliardi

L’unica certezza è che nel week end il “contatto di governo” verrà sottoposto a referendum nei gazebo allestiti dalla Lega e forse prima al voto degli iscritti sulla piattaforma Russeau del Movimento 5 Stelle. Per il resto le distanze restano tante e “la quadra” non c’è. Non c’è sulla infrastrutture, non c’è sui migranti e nemmeno sulla giustizia ma, soprattutto, non c’è sui vincoli di bilancio europei. Gli sherpa (guidati da Laura Castelli per M5S e Claudio Borghi Aquilini per la Lega) affideranno la lista dei punti su cui non c’è accordo a Matteo Salvini e Luigi Di Maio: toccherà a loro sciogliere i nodi. O non si parte.

Da ieri è noto che il contratto a cui mancavano “solo le virgole” difetta invece “su qualche punto importante” (Salvini dixit). Ma c’è un punto più importante degli altri, da cui tutto discende: che posizione avere con l’Europa. “Io devo sbloccare la possibilità di spendere soldi bloccati da vincoli e regole esterne. O riesco a dar vita a un governo che ridiscute i vincoli Ue oppure è un libro dei sogni”, ha spiegato ieri Salvini.

Finora Lega e 5Stelle hanno discusso sull’impegno formale a ridiscutere i trattati europei (serve l’unanimità dei governi) e i vincoli fiscali. Per farlo occorre tempo, e sul punto ci sarebbe l’accordo dell’intero arco parlamentare che nella scorsa legislatura ha votato per superare il Fiscal compact con mozioni presentate da tutti i partiti. La realtà è che servono subito margini di manovra di bilancio per mantenere le promesse fissate nel contratto, dalla “flat tax” al reddito di cittadinanza.

Come noto, il governo Gentiloni ha messo nel Documento di economia e finanza (Def) una correzione da 30 miliardi in due anni, portando il deficit pubblico al pareggio di bilancio nel 2020. La stretta fiscale sconta gli aumenti automatici dell’Iva per 15 miliardi quest’anno e 19 quello dopo, per portare il deficit dal 2,3% all’1,6% del Pil quest’anno e azzerarlo fra due anni. Il contratto prevede il superamento della legge Fornero, la partenza del reddito di cittadinanza e di una riforma fiscale che riduca le aliquote (impropriamente chiamata flat tax).

La Lega vuole che il contratto fissi subito il punto che il deficit non scenderà e punta a discutere in autunno, nella legge di Bilancio, una manovra da 40 miliardi, portando il deficit al 2,8%, poco sotto il tetto di Maastricht. I 5Stelle sono molto più cauti, non vogliono neanche menzionare il superamento del pareggio di bilancio del Fiscal compact (inserito pure nella Carta). La strategia è questa: impegno formale a rispettare il deficit fissato dal Def di Gentiloni per poi ridiscutere i margini in autunno. “Io non prendo in giro gli italiani”, è sbottato ieri Salvini. Anche perché il primo banco di prova potrebbe arrivare con la manovra correttiva da 5 miliardi che Bruxelles è pronta a chiedere all’Italia a maggio.

Su infrastrutture e grandi opere la distanza è più esplicita. I 5Stelle vogliono chiudere quelle che considerano inutili come il Tav Torino-Lione e il Tap, il gasdotto che dall’Azerbaigian dovrebbe portare il gas sulle coste pugliesi. La Lega no. Va peggio sull’Ilva, dove lo scontro dura da giorni. I 5Stelle restano sulla posizione della chiusura del siderurgico, ma l’intesa si può trovare sull’impegno formale a una “riconversione ecologica”. Tradotto: niente spegnimento.

Le distanze restano anche sui migranti. “Nel rispetto dei diritti umani, vogliamo mano libera per smantellare il business sulla pelle di queste persone”, ha spiegato Salvini. Il Carroccio vorrebbe una linea ancora più dura di quella scelta da Marco Minniti, con salvataggi dei migranti in mare ma riaccompagnamento immediato dalle coste di provenienza, mentre il M5S è favorevole al rimpatrio degli irregolari, ma solo dopo l’approdo nel più vicino porto sicuro.

Resta poi il nodo della Giustizia. Il tema, manco a dirlo, è la prescrizione: il Movimento vuole che si fermi all’inizio del processo, ma su questo punto Salvini brucerebbe il rapporto “benevolo” promessogli da Silvio Berlusconi.

La discussione andrà avanti. Molti sono ancora i temi da definire. Tra i punti concordati ci sarà una legge sul conflitto d’interessi, una stretta sull’evasione fiscale con “il carcere per chi evade” e una nuova sanatoria sulle cartelle di Equitalia. I 5 Stelle puntano poi a inserire una legge per l’uso dell’“agente provocatore” per combattere la corruzione nella Pubblica amministrazione e una per tutelare la gestione pubblica dell’acqua in linea con quanto sancito dal referendum del 2011. Restano fuori la revisione della riforma delle carceri e la riforma dei tetti pubblicitari alle tv (avrebbe fatto infuriare Silvio…).


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Lo sberleffo

O-ne-stà? Au-to-no-mia!

“Ai cittadini valdostani l’onestà non è che interessi poi tanto”. Parole e musica di Luciano Mossa, capolista dei 5Stelle nelle imminenti elezioni regionali in Valle d’Aosta (si vota domenica). Gli elettori grillini negli ultimi tempi si sono abituati a una rapida evoluzione del Movimento, ma forse a questo genere di confessioni non sono ancora preparati. Le parole – testuali – sono pronunciate da Mossa in un messaggio audio whatsapp che per sua sfortuna è finito per diventare pubblico. Il capolista l’aveva indirizzato agli altri candidati M5S valdostani per aggiornarli sull’incontro che aveva appena avuto con lo staff nazionale, per decidere gli ultimi giorni di campagna elettorale. “Ci hanno preparato i volantini che si basano principalmente sull’autonomia e non sull’onestà – dice Mossa nel suo messaggio – perché ai cittadini valdostani dell’onestà non è che gliene importa poi tanto, altrimenti non sarebbero anni che votano sempre gli stessi. Mentre invece interessa di più quello che viene fatto con i soldi dell’autonomia”. Difficile negarlo: in Valle d’Aosta l’autonomia è considerata sacra. E i soldi dell’autonomia ancora più sacri. E allora va bene l’onestà, ma insomma, alla fine, anche meno. È una Regione a statuto speciale, mica una scatoletta di tonno.

Politica
Verso l’assemblea Pd

Lite a colpi di Statuto su Orfini reggente fino al congresso

IL Pd andrà a congresso per eleggere il nuovo segretario. E adesso la guerra interna è sulla data (subito o nel 2019) e sul segretario traghettatore. Tutte cose che dovranno essere decise dall’Assemblea nazionale di sabato.

Matteo Renzi pensa che si debba convocare subito il congresso: le primarie per l’elezione del segretario, atto finale di una procedura lunga diversi mesi, potrebbero svolgersi a ottobre o novembre. Maurizio Martina si candida per essere eletto segretario in assemblea e, sostenuto da Dario Franceschini e Andrea Orlando, insiste sulla necessità di “un lavoro di ricostruzione dal basso che porti a un congresso nel prossimo anno”.

Si può anche andare a congresso in autunno, sostengono i “non renziani”, ma al Nazareno fino ad allora deve restare Martina. Non è così, replicano i renziani: a norma di statuto e dell’unico precedente (le dimissioni di Renzi dopo la sconfitta al referendum del 2016), decadrebbero tutti gli organismi del partito, tranne la presidenza di Matteo Orfini. Secondo Martina, però, lo Statuto non prevede la reggenza del presidente. E questa può esserci previo accordo politico, che però ora non c’è.

Politica

Casaleggio jr non si occupa dei giochi dell’esecutivo, ma frequenta i poteri forti

Politica

L’alleanza già decisa il 24 marzo, il Pd era solo un diversivo

Rai, le grandi manovre per la nomina nel Cda
Politica
Televisione

Rai, le grandi manovre per la nomina nel Cda

di
Zampetti, l’eterno burocrate che spacca il Colle di Mattarella
Politica
Il personaggio

Zampetti, l’eterno burocrate che spacca il Colle di Mattarella

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×