» Politica
martedì 03/07/2018

I segreti dell’agenda di Luigi Dagostino. Tre incontri a palazzo Chigi

L’ex socio di babbo Renzi annotava ogni visita: tra il 2015 e il 2016 appuntamenti anche nella sede del governo per “chiacchierare” con Lotti e conoscere Matteo

Era atteso anche Matteo Renzi, con il padre Tiziano e la mamma Laura Bovoli, a pranzo alla masseria “Buca Due” di Fasano, ma l’allora premier all’ultimo minuto cancellò gli incontri pugliesi per volare a New York alla finale Us Open tra Flavia Pennetta e Roberta Vinci. Era il 12 settembre 2015. Il gruppetto di pugliesi amici di famiglia aveva comunque già avuto modo di incontrarlo, seppur rapidamente, pochi mesi prima, il 17 giugno, a Palazzo Chigi, dove era arrivato per essere ricevuto da Luca Lotti, all’epoca sottosegretario. Alla testa l’organizzatore dell’incontro: Luigi Dagostino, amico e socio dei genitori dell’allora premier, arrestato il 13 giugno per fatture false. Con lui si presenta l’ex pm di Trani e oggi giudice civile a Roma, Antonio Savasta, indagato insieme a Dagostino per intralcio alla giustizia e corruzione oltre a precedenti guai giudiziari. C’è poi Roberto Franzè, fiscalista dell’imprenditore pugliese nonché amico a sua volta dei genitori di Renzi ed ex componente del cda della società di gestione del risparmio di Cassa depositi e prestiti che accettò l’offerta d’acquisto presentata da Dagostino e soci per il teatro comunale di Firenze. Infine l’avvocato Ruggiero Sfrecola, all’epoca legale di alcuni imprenditori legati a Dagostino e indagati per fatture false in un fascicolo di cui titolare era Savasta. Ed è attraverso il telefonino di Sfrecola che gli inquirenti fiorentini trovano i maggiori riscontri degli incontri. È lui, infatti, a rendicontare una conoscente sulle sue frequentazioni romane.

Alle 18.02 del 17 giugno 2015, Sfrecola le scrive di trovarsi a Palazzo Chigi e poi di avere “chiaccherato con Lotti (…) e conosciuto velocemente Matteo Renzi”. Sfrecola scatta anche delle foto. Foto che ora sono nel fascicolo a carico di Dagostino. Ieri il Gip del tribunale del riesame di Firenze si è riservato di decidere sulla scarcerazione ma il procuratore Christine von Borries ha depositato nuovi atti che secondo l’accusa dimostrano il pericolo di reiterazione del reato: Dagostino, in concorso con la moglie Ilaria Niccolai, il commercialista e il consulente, lo scorso 28 maggio ha redatto un falso verbale di assemblea della società Nikila Invest finalizzato a trasferire fondi ad altra azienda riconducibile a Dagostino – la Syntagma – per acquisire villa Banti.

Le indagini sull’imprenditore di Barletta hanno portato all’apertura di nuovi fascicoli. Quello che lo vede indagato insieme al magistrato Savasta è stato trasferito alla procura di Lecce. In quelle pagine sono ricostruiti gli incontri romani avuti dal pm con Lotti il 17 giugno 2015 e una cena il 6 dicembre 2016 alla quale ha partecipato, sempre grazie a Dagostino, per conoscere alcuni membri del Csm, tra cui il vicepresidente Giovanni Legnini. Palazzo Marescialli aveva avviato un procedimento disciplinare nei suoi confronti e, secondo quanto ricostruito, Savasta ha tentato di limitare i danni. Prima ha presentato richiesta di trasferimento da Bari per evitare “possibili incompatibilità ambientali”, poi ha tentato di parlare con Legnini. L’esito? Pessimo, come comunica lui stesso, intercettato, spiegando che alla cena il vicepresidente non ha voluto parlargli e lo ha allontanato bruscamente. Così come inutile si sarebbe rivelato il tentativo di far intervenire Lotti, nonostante i buoni uffici di Dagostino.

L’imprenditore, infatti, aveva una consuetudine con l’ex sottosegretario. Una annotazione della Guardia di Finanza allegata agli atti di Firenze ricostruisce tre incontri avuti da Dagostino a Palazzo Chigi. Quello già detto del 17 giugno, poi un secondo il 17 settembre 2015 e questa volta si presenta insieme a Filippo Caracciolo, assessore all’ambiente della Regione Puglia costretto a dimettersi perché indagato per corruzione e turbativa d’asta, infine un terzo il 23 febbraio 2016.

Tutti annotati nelle agende che Dagostino diligentemente aggiornava. Il 12 settembre 2015, giorno in cui Tiziano Renzi e Laura Bovoli, raggiungono la Puglia perché ospiti dell’ex socio nella sua masseria (poi venduta), Dagostino annota: “10.30 arrivo Tiziano e Laura”, “12.30 Filippo Caracciolo Barletta”, “15 dott Savasta caffè bar Igloo”, “16.50 Sfrecola Ruggiero Savelletri”, “21 cena Tiziano e Laura da Tuccino Polignano”. O il 19 settembre 2015, giorno in cui va a Palazzo Chigi. Scrive Dagostino: “14 partenza per Roma; 16.30 senatore Nicola Latorre piazza Eustachio; 17.15 Andrea Bacci Luigi Carraro Franco Carraro, 18 Luca Lotti Caracciolo Filippo Palazzo Chigi; 20 Andrea Bacci cena Roma e part per Firenze”.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Firenze

In Comune il caso della villa. Renzi: “Ho ottimo stipendio”

Mentre in Comune a Firenze la giunta di Dario Nardella rispondeva a un’interrogazione presentata dal consigliere di Fratelli d’Italia, Francesco Torselli, sui motivi per i quali Palazzo Vecchio ha sanato la richiesta di condono degli abusi edilizi richiesti nel 1986 solamente nel novembre 2017 per la villa che ora è in procinto di acquistare Matteo Renzi a poche curve da piazzale Michelangelo, l’ex premier si impegnava anche lui a rispondere sul come e dove ha trovato i 400 mila euro versati al preliminare. Ma sia in Comune sia sulla e-news di risposte ne sono arrivate poche. Nardella ha inviato in aula l’assessore all’urbanistica Giovanni Bettarini per spiegare che insomma 32 anni non sono molti per rispondere: del resto, ha detto, a Firenze ci sono almeno mille richieste l’anno da gestire. Nella e-news, invece, Renzi ha ricordato di non avere più incarichi governativi e quindi “è più facile fare soldi”. A gennaio disse che aveva solo 15 mila euro. “Ho ulteriori entrate (..) che mi permettono persino di prendere un mutuo”, ha scritto. Sta vendendo la casa di Pontassieve e ha “un ottimo stipendio” da senatore. Del resto ha già tre mutui con rate mensili da 4250 euro, ora si appresta a fare il quarto.

Economia

Deleghe, l’accordo ancora non arriva. La Lega vuole i porti, il M5S resiste

Vignette

Fatto a mano di Natangelo del 03/07/2018

Politica
Senato - L’accordo sulle leggi in discussione

I grillini cedono sulla legittima difesa, la Lega promette modifiche al testo Pillon

di
Sentenze e ritardi: Europa7 scippata ancora
Politica
Il caso

Sentenze e ritardi: Europa7 scippata ancora

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×