» Economia
venerdì 21/09/2018

Eni e le mazzette nigeriane. Condannati i mediatori

La sentenza - Per il giudice del rito abbreviato ai due uomini che trattarono le tangenti al governo della Nigeria la corruzione ci fu. Pessima notizia per il gruppo

Ci sono giornate buone e giornate meno buone. Anche per una grande compagnia come Eni. Ieri giornata negativa, con le condanne di due mediatori delle tangenti petrolifere che Eni avrebbe pagato in Nigeria. Il giorno prima, invece, erano arrivate le assoluzioni nel processo per le mazzette in Algeria, che hanno salvato, in primo grado, l’ex amministratore delegato Paolo Scaroni e il responsabile operativo per il Nordafrica Antonio Vella, pur confermando che la corruzione c’era e condannando i manager della controllata Saipem.

La vicenda nigeriana è più spinosa di quella algerina, perché coinvolge anche l’attuale amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, oltre al suo predecessore Scaroni (oggi vicepresidente di Rothschild, referente in Italia del fondo Elliott e presidente del Milan dopo l’uscita di scena del misterioso impreditore cinese). Il processo in cui sono imputati a Milano insieme a una decina di altre persone è alle prime udienze, ma ieri è arrivata, come un antipasto, la sentenza di primo grado per due imputati che avevano scelto il rito abbreviato: il nigeriano Obi Emeka e l’italiano Gianluca Di Nardo, mediatori dell’affare petrolifero stretto tra l’Italia e il Paese africano. È una sentenza di condanna, in primo grado, a 4 anni di carcere per concorso in corruzione internazionale. Oltre alla pena detentiva, il giudice dell’udienza preliminare Giusy Barbara ha deciso anche la confisca di 140 milioni di euro.

Condanna e confisca riguardano soltanto i due mediatori e non obbligano i giudici del processo principale, appena iniziato, a seguire le orme del giudice dell’abbreviato: perché il suo non è un verdetto definitivo e poi perché, non essendo una “sentenza dibattimentale”, non ha efficacia su un processo con rito ordinario. Ma certo è un primo giudizio che non promette niente di buono per Eni e i suoi vertici: un giudice ha sentenziato che la corruzione c’è stata e che la mazzetta è stata pagata.

La vicenda inizia in Nigeria nel 2011, quando Eni e Shell conquistano la concessione di un super-giacimento petrolifero, detto Opl 245, versando 1 miliardo e 300 milioni di euro su un conto ufficiale del governo nigeriano. Tutto regolare, sostiene Eni. Peccato che i magistrati milanesi Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro ricostruiscano che i soldi vanno poi a finire sui conti privati della società Malabu, dietro la quale si nasconde l’ex ministro nigeriano del petrolio Dan Etete. E poi girano per conti libanesi e svizzeri, fino a tornare in Nigeria, nei conti di ministri e politici locali che si intascano almeno 523 milioni.

Il primo schema dell’affare prevedeva il pagamento diretto della tangentona a Dan Etete e ai suoi uomini, con l’intervento – secondo l’ipotesi d’accusa – di intermediari italiani (Luigi Bisignani e Gianluca Di Nardo) e stranieri (il nigeriano Emeka Obi e l’azero Ednan Agaev, ex ambasciatore russo in Colombia). Questo schema, ritenuto troppo rischioso, viene abbandonato e sostituito con il pagamento diretto al governo nigeriano. Ma è solo un cambiamento formale – sostiene l’accusa – per rendere il pagamento della tangente meno visibile. È lo stesso affare, ma fatto – dice Agaev – “con il preservativo”.

La storia, sotterranea, emerge almeno in parte nel 2013 a Londra, quando Obi trascina in tribunale Etete, accusandolo di non avergli pagato la commissione per il suo ruolo di mediatore, in società con Di Nardo. Il giudice britannico gli dà ragione, ingiungendo all’ex ministro nigeriano del petrolio di pagargli 110 milioni, versati e subito spostati in Svizzera. Dove piombano i pm milanesi, che nel 2014 ne ordinano il sequestro, ritenendoli una parte della tangente. Ieri la gup Barbara conferma questa lettura, disponendo la confisca di 140 milioni. Dunque la corruzione internazionale c’è stata, la tangente è stata pagata, i mediatori sono ritenuti colpevoli di concorso in corruzione. Allargando lo sguardo e passando dai mediatori ai corruttori, da una parte, e ai corrotti, dall’altra, il processo ordinario potrebbe stabilire le responsabilità di Eni e di Shell, anch’essa imputata con l’ex numero uno Malcolm Brinded e tre ex manager.

Eni “ribadisce la correttezza del proprio operato” e si dice convinta che il processo ordinario lo dimostrerà. L’associazione Re:common, che aveva chiesto di costituirsi parte civile nel processo milanese, dichiara invece che “è giunto il momento che il governo italiano, in qualità di principale azionista di Eni, consideri la possibilità di sospendere tutti i manager coinvolti nel caso, fino al giudizio definitivo”.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Economia
La risposta di Cdr e ordine

Carige, l’azionista Mincione insulta il cronista del Fatto

“I Cdr de Il Fatto Quotidiano e del fattoquotidiano.it esprimono solidarietà a Ferruccio Sansa e condannano gli attacchi rivolti da Raffaele Mincione, nel corso dell’assemblea di Carige, al collega e all’intero corpo giornalistico del gruppo editoriale Il Fatto. I giornalisti del Fatto seguono da tempo la vicenda con la correttezza e professionalità dovute e continueranno a farlo per garantire un’informazione corretta e completa ai propri lettori”. Ieri, durante l’assemblea di Banca Carige, il giornalista del Fatto Quotidiano Ferruccio Sansa è stato apostrofato, davanti ad altri colleghi, dall’azionista Raffaele Mincione con queste parole: “Lei è un bugiardo e mascalzone. Voi del Fatto siete bugiardi e mascalzoni. Raccontate menzogne”: anche l’Ordine dei Giornalisti della Liguria ha diffuso una nota a sostegno del nostro inviato esprimendo ”piena solidarietà al collega Sansa” e condannando “le offese e le intimidazioni nei confronti di giornalisti che come Sansa svolgono con scrupolo e correttezza il lavoro di ricerca della verità al servizio dei lettori per una informazione libera non condizionata dai poteri forti”.

Economia
nomina (saltata) di toninelli

Imputato per truffa nel cda delle ferrovie Appulo-Lucane

Il ministrodelle Infrastrutture, Danilo Toninelli, ha scelto un imputato per truffa per il nuovo consiglio d’amministrazione delle Ferrovie Appulo-Lucane. Questa volta, però, il passo indietro è stato immediato. E, come spiega una nota del Mit, “l’incarico non è stato accettato”. L’avvocato Francesco Cavallo si è dimesso poche ore dopo essere stato nominato nel cda, in seguito alle contestazioni mosse dal Pd. Attualmente, il legale leccese è sotto processo per truffa a Lecce e su di lui pende anche la richiesta della Corte dei Conti di risarcire 51 mila euro. Secondo l’accusa, l’Associazione antiracket Salento avrebbe cercato di ottenere un finanziamento da 2 milioni di euro destinato alle vittime del racket e dell’usura, assegnato dall’Ufficio del Commissario straordinario antiracket istituito presso il ministero dell’Interno e indebitamente percepito dal 2012. Stando alla ricostruzione del pubblico ministero, Cavallo era “fittiziamente incaricato – si legge nell’ordinanza di custodia cautelare del maggio 2017 – dell’assistenza legale presso lo sportello di Brindisi” dell’Associazione. Dal maggio 2012 all’aprile 2015 avrebbe percepito 1.500 euro al mese per un incarico che in realtà non aveva quasi svolto.

Politica

Pace fiscale, Ruocco (M5s): “Per noi le soglie troppo alte sono inaccettabili”

Economia

Vivendi e Elliott, pace provvisoria per far fuori Genish

Le “manette agli evasori” ora possono attendere
Economia

Le “manette agli evasori” ora possono attendere

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×