Benvenuti tra i 2300 fantasmi e la droga dell’Hotel House

La periferia abbandonata - Porto Recanati, degrado e violenza in una bomba sociale “gestita” da gruppi criminali
Benvenuti tra i 2300 fantasmi e la droga dell’Hotel House

Messaoud Mekhalef ha 46 anni, è algerino ed è uno degli oltre duemila inquilini dell’Hotel House a Porto Recanati (Mc), l’ex residence di lusso per le vacanze estive trasformato in un grattacielo-ghetto. Messaoud soffre di siringomielia, una malattia neurologica e da quasi un anno non esce di casa. Dovrebbe essere sottoposto a un intervento di neurochirurgia, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.