» Commenti
mercoledì 08/11/2017

Basta comprare iPhone se Apple non paga le tasse

(171104) -- NEW YORK, Nov. 4, 2017 (Xinhua) -- Photo taken on Nov. 3, 2017, shows the iPhone X at Apple World Trade Center in New York, the United States. The iPhone X was released in the United States on Friday. (Xinhua/Li Muzi)(psw)

Confesso subito: possiedo sia un iPhone che un MacBook e rinunciarvi sarebbe difficile. Eppure noi clienti Apple dovremmo cominciare a farci un esame di coscienza. E spiegare a Tim Cook che un po’ ci vergogniamo di portare in tasca questi prodotti che magari non grondano sangue come certi diamanti di una volta, ma trasudano scandali fiscali.

I Paradise Papers rivelati dal consorzio di giornalismo investigativo ICIJ sono l’ultimo tassello. Da anni Apple accumula all’estero una quantità enorme di denaro liquido, è arrivata a 252 miliardi di dollari. Non rimpatria quei soldi negli Usa perché così riesce a evitare di pagare miliardi di tasse. Nel 2016 la Commissione europea ha stabilito che Apple deve dare al governo dell’Irlanda, la principale base fiscale fuori dagli Usa dell’azienda, ben 13 miliardi di tasse non versate grazie ad accordi preferenziali che Bruxelles considera illegittimi. Apple ha fatto ricorso e così pure il governo irlandese che quei soldi proprio non li vuole, accettarli farebbe crollare un modello di sviluppo basato sul diventare la base dell’elusione delle multinazionali.

Grazie ai Paradise Papers si scopre che appena lo schema irlandese è stato criticato dal Congresso Usa nel 2013, subito Apple ha evoluto le sue tattiche fiscali triangolando l’Irlanda con le isole Jersey. Tutto legale, certo, si pagano parcelle milionarie a studi legali internazionali proprio per aggirare il fisco senza finire in galera. Ma secondo l’Ocse i Paesi industrializzati perdono 240 miliardi di gettito ogni anno per colpa di questi trucchi. E la Apple ha abbastanza liquidità da diventare uno dei più grossi investitori mondiali sui mercati finanziari. La lotta ai paradisi fiscali procede lentamente, i governi sono impotenti senza un forte supporto delle loro opinioni pubbliche.

La Apple pagherà le tasse solo se noi consumatori la costringeremo a farlo. Con il ricatto: o paghi le tasse o non avrai più utili da nascondere in Irlanda perché noi smetteremo di comprare i tuoi prodotti. Lo so che è dura la vita con Windows o Android. Ma non vedo grandi alternative.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Il Fatto Economico

Fiumicino in crisi: calano i voli. Ma il regalo ai Benetton procede

Il Fatto Economico

Mps, ecco perché Mussari suicidò la banca e nessuno disse (e dice) nulla

Commenti

Il “Numero uno” di villa Arzilla a caccia di voti

di
Commenti

Mail Box

Commenti

La storia sepolta dagli affettati

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×