» Politica
venerdì 12/01/2018

Par condicio, l’Agcom impone ai giornalisti di dire in tv per chi votano

Norma opinionisti - L’Autorità per le Comunicazioni applica il contraddittorio: devono svelare le preferenze politiche ma così si viola la Carta. Parità uomo-donna nei programmi

Più volte nel regolamento sulla par condicio (pari spazio ai candidati) per le televisioni private, l’Autorità di Garanzia per le Comunicazioni premette: “Fermo il rispetto della libertà editoriale di ciascuna testata”. Ma poi l’Agcom si spinge oltre, fra l’ingerenza e il surreale, e prescrive agli editori – e dunque ai telespettatori – una campagna elettorale artefatta e impone ai giornalisti una sorta di dichiarazione di voto. In un colpo solo, l’Autorità strapazza la Costituzione (articolo 48), commissaria l’Ordine dei giornalisti e, soprattutto, esaudisce un desiderio di Matteo Renzi che non fu soddisfatto durante la propaganda del referendum: gli opinionisti vanno etichettati e arginati con un contraddittorio. Ora la vicenda è più complessa di un “sì” o un “no” alla riforma della Carta. Pazienza per il ritardo, l’Agcom dà un segnale al renzismo. Pare su proposta di Antonio Nicita.

Per partecipare ai dibattiti con i candidati, secondo l’Autorità, i giornalisti sono tenuti a rivelare le “sensibilità culturali” (parole usate con ipocrisia per non dire “preferenze politiche”) così la redazione del programma può reclutare un giornalista con “sensibilità opposte”.

Chi prepara le trasmissioni deve considerare “non solo le presenze e le posizioni di candidati, di esponenti politici o comunque di persone chiaramente riconducibili ai partiti e alle liste concorrenti, ma anche le posizioni di contenuto politico espresse da soggetti e persone non direttamente partecipanti alla competizione elettorale”. Per essere più espliciti: “È indispensabile garantire, laddove il format – si legge all’articolo 7 della delibera approvata mercoledì – della trasmissione preveda l’intervento di un giornalista o di un opinionista a sostegno di una tesi, uno spazio adeguato anche alla rappresentazione di altre sensibilità culturali in ossequio al principio non solo del pluralismo, ma anche del contraddittorio, della completezza e dell’oggettività dell’informazione”.

I partiti in Vigilanza hanno fallito lì dove ha trionfato l’Autorità: la norma contro i giornalisti, infatti, l’hanno inserita i commissari guidati da Angelo Marcello Cardani, i politici neanche l’hanno menzionata nel documento sulla par condicio che ha salvato gli artisti Fabio Fazio e Bruno Vespa e che riguarda la Rai. Adesso la Vigilanza si adeguerà?

Non è finita. Per ingarbugliare ancora di più il lavoro degli autori e condizionare le scalette dei programmi, l’Agcom introduce la “parità di genere”, stesso numero di presenze – da qui alle urne del 4 marzo – per donne e uomini.

Più limiti, più controlli, più rischio di multe per le aziende: “L’Autorità verifica, alle medesime scadenze indicate (ogni settimana, ndr), il rispetto dei principi a tutela del pluralismo e, in particolare, della parità di trattamento tra soggetti politici e dell’equa rappresentazione di tutte le opinioni politiche nei programmi di approfondimento informativo diffusi da ciascuna testata, tenuto conto del format e della periodicità di ciascun programma e anche dell’argomento trattato. Il direttore di testata assicura comunque l’alternanza e la parità, anche di genere, tra i diversi soggetti politici in competizione, in modo da garantire tra l’altro una partecipazione equa, bilanciata e pluralistica nell’intero periodo elettorale, e dà previa comunicazione all’Autorità del calendario degli ospiti”. Con la scusa della par condicio, i palinsesti, gli argomenti e persino i giornalisti da coinvolgere nei programmi li sceglie l’Autorità. A ogni pensiero dovrà seguirne uno contrario. Finché il telespettatore non si annoia e cambia canale.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
La sfida a Lufthansa

Alitalia, Air France in corsa. Faro dell’Ue sul prestito ponte

Farodella Ue sul prestito ponte da 600 milioni (esteso ad ottobre di altri 300) dello Stato ad Alitalia: Bruxelles si prepara ad aprire un’indagine per valutarne la compatibilità con le regole europee e attende una notifica dal Governo italiano mentre la partita per l’acquisto dell’ex compagnia di bandiera si avvia ad essere un derby franco-tedesco: ci sarebbe un nuovo pretendente, Air France-Klm in tandem con EasyJet, riaprendo di fatto i giochi che vedevano Lufthansa in pole position. Air France-Klm è stato il socio di maggioranza dell’Alitalia negli anni dei capitani coraggiosi. Il gruppo, che non commenta, ha l’alleanza con Delta (nel capitale di Air France), con cui Alitalia sta negoziando più voli negli Usa. Ieri i commissari hanno incontrato i vertici. Lufthansa invece ha ribadito le proprie condizioni. Il ceo Spohr in una lettera al ministro dello Sviluppo Calenda ha parlato della necessità di una “significativa” ristrutturazione: la “Nuova Alitalia” dei tedeschi sarebbe più piccola per personale (si parla di circa 2 mila esuberi) e flotta. Resta inoltre in corsa il fondo Usa Cerberus, interessato all’intera compagnia, e la cui proposta è di creare una holding con la partecipazione dello Stato e dei dipendenti.

Politica
Arrivano i soldi

Il 2 per mille fa ricco il Pd: 8 milioni Seconda la Lega (1,9)

Abolito del tutto il finanziamento pubblico, i partiti devono affidarsi a quello privato o quasi. Oltre alle donazioni, infatti, la legge risalente a Enrico Letta ha previsto che i contribuenti possano destinare ai partiti politici il 2 per mille del loro reddito. Nel 2017 – sulle dichiarazioni dei redditi 2016 – gli italiani che hanno scelto questa opzione (dice il Tesoro) sono oltre 1,2 milioni contro i 971 mila dell’anno prima. Sale anche la cifra assoluta: 15,3 milioni di euro totali contro gli 11,7 di dodici mesi fa. Il partito più “votato” fiscalmente resta di gran lunga il Pd, che ha incassato 8 milioni di euro grazie alle scelte di oltre 600 mila contribuenti, la metà della platea e del “tesoretto” (l’anno scorso aveva incassato 6,4 milioni da 490 mila contribuenti). Seconda, assai staccata, la Lega: 1,9 milioni devoluti da 172mila italiani (erano 1,4 da 129mila persone). Sull’ultimo gradino del podio degli incassi c’è Forza Italia con 850mila euro. A seguire Sel (753mila), Rifondazione (611mila), Sudtiroler Volkspartei (477mila); Verdi (271mila); Possibile (247mila), Centro democratico (181mila) e Psi (181mila). Il Movimento 5 Stelle ha deciso di non accedere al versamento del 2 per mille.

La Cattiveria

La Cattiveria del 12/01/2018

Commenti

Par condicio, la prima autodenuncia: ‘Mi sento Nardella al 100%’

Sciacalli&puttane – Conte: “Parole eccessive”
Politica
Bavagli

Sciacalli&puttane – Conte: “Parole eccessive”

di
Il condono si allarga ancora. Tre mesi in più per aderire
Politica
Pace fiscale - Le modifiche dei gialloverdi

Il condono si allarga ancora. Tre mesi in più per aderire

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×