La mostra

Mario Sironi, l’“utile imbecille” del regime fascista, salvato dal partigiano Rodari

A Padova - Un racconto del grande collezionismo italiano

Di Francesco Ferasin
3 Dicembre 2022

“Sironi è un imbecille!”, sbuffava Mussolini di fronte alle opere del pittore futurista. Le figure plastiche, iper compatte, dalla geometria portata all’estremo (“quei piedoni e quelle manone”), facevano imbestialire il duce, che però se lo teneva stretto. Per Farinacci era un “bolscevico esterofilo”. Eppure, nonostante le critiche, Mario Sironi (1885-1961), sardo di nascita ma di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui