Docufilm

Dall’Ucraina “The Natural History of Destruction”

Il controverso Loznitsa - Ha “tradotto” sullo schermo Sebald e, sullo sfondo, il Secondo conflitto mondiale

Di Anna Maria Pasetti
28 Maggio 2022

Il proficuo connubio tra il genio dello scrittore tedesco W.G. Sebald e il regista ucraino “cosmopolita” Sergei Loznitsa si è rinnovato in una delle opere più significative e controverse del 75° Festival di Cannes, The Natural History of Destruction, presentata come proiezione speciale. Del resto l’omonima “materia” letteraria ispiratrice aveva già seminato il panico morale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui