L'intervista

Paola Bottai: “I profumi non inquinano, le aziende sì. Ma finalmente si stanno attrezzando”

Un viaggio attraverso le essenze con l'autrice di un insolito libro sulla storia e le dinamiche di un oggetto che ognuno di noi ha ricevuto in regalo almeno una volta

Di Guido Biondi
28 Settembre 2021

“Negli anni Sessanta il movimento hippie, nato a San Francisco, predicava il ritorno alla natura. Si profumava di sandalo, di muschio ma soprattutto di patchouli, che veniva usato come olio sia per lisciare i capelli sia per nascondere l’odore dell’hashish”. È l’oggetto che rappresenta nell’immaginario collettivo il regalo per antonomasia. Ed è contemporaneo, basta sfogliare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.