In mostra

Boetti, che bella razza di arazzi tra l’Afghanistan, Roma e Torino

18 Settembre 2021

In una delle sue famose Mappe – arazzi come planisferi politici di tessuto in cui i territori sono ricamati con i colori e le bandiere di appartenenza – Alighiero Boetti scrive: “A Kabul regna il caos”. Era il 1979, l’Afghanistan venne invaso dall’allora Unione Sovietica, e quella che per Boetti era “la Parigi dell’Asia Centrale” […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.