Diritto e ambiente

Basilicata, il Piano per la Transizione energetica lo certifica: mai insieme scorie e trivelle

Tutte le aree individuate per lo stoccaggio delle scorie determinano la non idoneità per usi estrattivi e devono essere escluse dal Pitesai, ovvero la pianificazione relativa alle attività di ricerca, prospezione e coltivazione degli idrocarburi. È una buona notizia per cittadini e comitati, che invitano comunque a non abbassare la guardia

Di Maria Cristina Fraddosio
29 Luglio 2021

Rifiuti radioattivi e trivelle non possono coesistere. Uno stop alla possibilità che in Basilicata vengano a coincidere entrambe le attività è stato posto dal Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee, Pitesai, ovvero la pianificazione relativa alle attività di ricerca prospezione e coltivazione degli idrocarburi (gas e petrolio). Dell’inopportunità avevamo scritto in esclusiva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui