Che abbia ragione Albert Camus, quando nei Saggi politici scrive: “Solo quando si cominciano a nominare bene le cose si diminuisce il disordine e la sofferenza che c’è nel mondo”, è pienamente convinta la scrittrice e attivista Francesca Vecchioni, che da anni si batte per la rappresentazione nei media della diversità (“meglio: di tutte le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I “senatori” di Ciaculli contro i ladri: “Li facciamo trovare nel cofano della macchina”

prev
Articolo Successivo

Il Fatto di domani. Non solo improcedibilità: gli altri orrori della riforma Cartabia. Sul Green pass si va per step (e si litiga)

next