I ghiacciai “salvati” dalla plastica: quanto è sostenibile il geotessile usato in alta quota

Un'opera esposta alla Biennale di Architettura di Venezia ha portato sotto i rilettori una tecnologia in voga da quasi due decenni sulle Alpi, che presenta buoni risultati quanto a riduzione dello scioglimento delle nevi, ma mostra anche forti limiti

Di Riccardo Antoniucci
21 Giugno 2021

Cime innevate impacchettate in teli di plastica. Sulle Alpi, dove ai ritmi attuali due terzi dei ghiacciai sono a rischio estinzione entro la fine del secolo, per combattere lo scioglimento si fa anche questo. Coperture di polipropilene geotessile bianco, spesso circa 4 millimetri e in grado di schermare i raggi solari, vengono installate d’estate su […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.