Nel 2017 se n’era andata senza troppi rimpianti scegliendo l’esilio volontario all’ufficio del Servizio civile dopo anni passati a sgobbare nell’ombra appresso alle emergenze. Ma adesso Titti Postiglione tornerà a casa e dal portone principale: come vice di Fabrizio Curcio, diventato comandante in capo della Protezione civile a febbraio dopo la defenestrazione di Angelo Borrelli. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Bari, muore un 54enne dopo Johnson&Johnson

prev
Articolo Successivo

Conte fa il capo e a Napoli i 5S si “annettono” il dem Manfredi

next